Carabinieri
Carabinieri

Monza, 5 gennaio 2021 - Un tunisino di 30 anni è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di aver aggredito con violenza una donna di 28 anni nella tarda serata di ieri (oltre l'orario del coprifuoco).

Secondo la ricostruzione dei fatti, la donna è stata avvicinata mentre era in attesa di un treno sulla banchina della stazione ferroviaria di Cesano Maderno. L'uomo si è dapprima avvicinato a lei minacciandola con un coltello, dopodiché ha iniziato anche a colpirla provocandole ferite sul volto. Durante l'aggressione, il 30enne si è impossessato di uno smarthphone, di diverse banconote da 100 euro e vari documenti tra cui una tessera ferroviaria. Le urla della donna hanno attirato l'attenzione di una cittadina residente nella zona che dalla finestra di casa ha assistito al violento pestaggio chiamando subito il 112.

I carabinieri, giunti sul posto, hanno messo in sicurezza la donna e dopo un lungo inseguimento lungo i binari hanno raggiunto e bloccato il rapinatore. L'uomo infatti ha cercato in tutti i modi di tenere lontano i militari lanciando contro di loro sassi che raccoglieva lungo la linea ferroviaria. Dai successivi accertamenti l'uomo è risultato clandestino dal 2018, senza fissa dimora e documenti di identità. Su disposizione del giudice, è stato rinchiuso in carcere a Monza con l'accusa di rapina aggravata, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. La vittima invece è stata trasportata in codice giallo all'ospedale di Desio.