Il campo insidioso, ma la volontà dei biancorossi è stata superiore a tutto. Con questa vittoria il Grosseto metabolizza, seppur non del tutto, il pareggio col Novara. Merito della forza di un gruppo che ha saputo trasformare la delusione del rigore al Novara in forza per battere la Giana. Ma merito anche del diagonale vincente di Filippo Boccardi, man of the match, decisivo con un gol preziosissimo. "È stata una partita molto difficile – spiega Filippo Boccardi, autore del...

Il campo insidioso, ma la volontà dei biancorossi è stata superiore a tutto. Con questa vittoria il Grosseto metabolizza, seppur non del tutto, il pareggio col Novara. Merito della forza di un gruppo che ha saputo trasformare la delusione del rigore al Novara in forza per battere la Giana. Ma merito anche del diagonale vincente di Filippo Boccardi, man of the match, decisivo con un gol preziosissimo. "È stata una partita molto difficile – spiega Filippo Boccardi, autore del gol vittoria – improntata molto sui duelli fisici e sulle seconde palle. Siamo stati bravi a sfruttare l’occasione del gol con Kraja che ha vinto proprio una seconda palla e mi ha servito l’assist per il gol. Il campo era in condizioni pessime, con tante buche e con tanto fango e proprio per questo credo che la vittoria valga doppio, anche perché oltre ad essere uno scontro salvezza era un campo difficilissimo per giocare a calcio. Siamo stati cinici e ordinati difendendo tutti insieme con grande cattiveria, e questo è lo spirito che dobbiamo avere in ogni partita". Boccardi uomo copertina, anche se la vittoria è frutto di un grande lavoro di squadra, con i biancorossi abili a coprirsi dopo il gol, per provare poi a colpire in contropiede.

"La squadra – ha spiegato poi David Stefani, vice allenatore del Grosseto – ha fatto la partita che doveva fare. Sono stati bravi i ragazzi. Il terreno di gioco era insidioso, c’era un fondo molto irregolare. Ma abbiamo lottato su ogni pallone. La Giana Erminio poteva aver voglia di riscattarsi dopo la sconfitta col Renate e il cambio di allenatore, ma noi siamo stati bravi. Abbiamo atteso che prima o poi si sarebbe trovato lo spazio per una ripartenza". E così Boccardi, con un diagonale velenoso a metà primo tempo, ha regalato al Grifone tre punti d’oro in quello che era in pratica uno scontro diretto. "Abbiamo concesso una palla gol in avvio – ha spiegato Stefani -, poi ci sono state poche occasioni da entrambe le parti. Noi siamo stati bravi a capitalizzare. Abbiamo speso tanto a centrocampo. Nella ripresa siamo passati al 3-5-2. Non segnando tanto ci capita spesso di abbassarci per soffrire meno, anche perché lavoriamo tanto con le mezzali e spendiamo tantissimo a livello di energie. Il nostro obiettivo è salvarsi prima possibile".

Per la vittoria sono state decisive le seconde palle, come quella conquistata dal Grosseto a metà primo tempo, che ha portato al gol di Boccardi.