Daniele Bonera (Ansa)
Daniele Bonera (Ansa)

Milano, 17 novembre 2020 -. Era pronto a sostituire Stefano Pioli in panchina domenica a Napoli ma il Covid-19 non ha risparmiato nemmeno lui: anche il vice del tecnico rossonero, Giacomo Murelli, è infatti risultato positivo al coronavirus. Lo ha fatto sapere il Milan, con una nota sul proprio sito ufficiale: "AC Milan comunica che Giacomo Murelli, in isolamento da sabato dopo il riscontro della positività di Stefano Pioli, è risultato lievemente positivo a un primo test effettuato domenica, positività confermata ieri da un secondo tampone molecolare. Murelli sta bene e proseguirà la quarantena a domicilio" si legge.

Squadra a Daniela Bonera

Sia Pioli che Murelli, dunque, non potranno essere in panchina per le partite con Napoli in campionato e Lille in Europa League e a guidare la squadra ci sarà Daniele Bonera, componente dello staff tecnico, che conta al suo interno anche di Davide Lucarelli, Gianmarco Pioli (figlio del mister) e Luciano Vulcano, più gli allenatori dei portieri Betti e Turci e i preparatori atletici. L’ex difensore rossonero, quindi, al San Paolo sfiderà il compagno di tante avventure sotto l’egida del Diavolo Rino Gattuso.

Cuore rossonero

Bonera, classe 1981, arriva al Milan nel 2006, a 25 anni, la squadra per cui aveva sempre tifato sin da quando era piccolo e con cui sigla un accordo quadriennale fino al 30 giugno 2010, poi rinnovato fino al 2013 e successivamente per altri due anni: sceglie di indossare la maglia numero 25 e Il 7 maggio 2011, dopo una nuova stagione segnata da numerosi infortuni, ha vinto il suo primo scudetto con i rossoneri a due giornate dal termine del campionato. Il 30 giugno 2015 giunge alla fine, dopo 9 anni, la sua esperienza al Milan, collezionando 201 presenze con i rossoneri. Dopo la parentesi al Villareal, nel 2019 entra a far parte dello staff di Marco Giampaolo venendo confermato anche con l’arrivo di Pioli. Nel frattempo partecipa al corso per Allenatore Professionista di Prima Categoria - Uefa Pro ottenendo l'abilitazione nel settembre 2020.

In Nazionale

Il difensore del Milan fa il suo esordio in Nazionale Maggiore chiamato da Trapattoni il 5 settembre 2001, a 20 anni, per l’amichevole Italia-Marocco. Per un periodo si è quindi diviso tra la Nazionale maggiore e l'Under-21, conquistando con quest'ultima l'Europeo 2005. Dopo il suo arrivo al Milan è rimasto nel gruppo allargato della Nazionale con i tecnici Donadoni e Lippi, ma è stato convocato a intervalli irregolari anche a causa di numerosi problemi fisici.