Milano, 11 ottobre 2016 - Com'è la vita della first lady di una città grande come Milano? Lo racconta Cinzia Sasso, "Moglie" di Giuliano Pisapia, nel libro presentato alla libreria Feltrinelli Duomo. "Dopo che Giuliano ha vinto le elezioni ho pensato che così come lui sarebbe stato al servizio della società per qualche anno, era giusto che io fossi al suo servizio", ha detto la giornalista e moglie dell'ex sindaco. Il libro, 125 pagine edito da Utet, racconta la vita della moglie del sindaco, e la sua scelta di lasciare il lavoro come giornalista del quotidiano la Repubblica dopo l'elezione di Pisapia. "C'è stata una sofferenza dietro alla scelta di lasciare il giornalismo", spiega Sasso. "È stata anche una ragione di opportunità, ho un'alta concezione della politica e ho pensato che non fosse più opportuno continuare", anche per "sciogliere quello che poteva diventare un conflitto d'interessi". Per Sasso, che ha presentato il libro assieme alla giornalista Natalia Aspesi e a Filippo Solibello, davanti all'ex sindaco Pisapia seduto tra il pubblico, all'inizio 'Moglie' voleva essere un libro di interviste alle mogli di personaggi famosi, ma poi gradualmente è diventato il racconto della sua vicenda. "L'importante è la libertà di ogni donna di scegliere il suo destino", spiega Sasso, dietro alla sua scelta di dedicarsi unicamente alla famiglia. "Ero preoccupata all'inizio, non sarà un tornare indietro rispetto alle lotte del femminismo, non passerà il messaggio che dico che la moglie deve stare a casa?", dice di essersi chiesta. "Ma dalle reazioni sono rimasta sollevata", e così il libro ha preso forma.

"Un amore così importante è un privilegio", aggiunge Cinzia Sasso. "Moglie" racconta dunque una storia d'amore che si incrocia con stagione politica di Milano. "È un libro d'amore per le donne, per cui ho una stima incondizionata. Non so come facciano a fare mille cose insieme. Non è un tornare indietro. Ma una scelta libera". Per 36 anni ha guidato da sola. Poi è salita su un'altra macchina. Essere la moglie di... "è condivisione,  iniziare a pensare al noi. Scelte che non per forza sono fatti da donne ma anche da uomini", spiega Cinzia Sasso. E Natalia Aspesi, che ha curato la presentazione le strizza l'occhio: "Infatti adesso tu presenti il tuo libro e Pisapia è lì che ti ascolta e accompagna. È il marito di Cinzia Sasso".