Quotidiano Nazionale logo
22 feb 2020

Coronavirus, consulente residente a Codogno: telelavoro per i dipendenti Vodafone Building

In via precauzionale, l'azienda ha chiesto agli impiegati di lavorare in smart working fino a mercoledì 26 febbraio

nicola palma
Cronaca
epa08227944 Employees work in the DaAn Gene laboratory in Guangzhou, Guangdong province, China, 19 February 2020. DaAn Gene Company of Sun Yat-Sun University focuses on the development and application of fluorescence PCR diagnostic kits. The company has developed the Covid-19 RNA detection kit. Many hospitals in Guangdong province are sending blood samples of patients for testing and the results must be finished within 24 hours. According to media reports, the Covid-19 coronavirus has left 2,000 people dead and infected 74,186 people in China.  EPA/ALEX PLAVEVSKI
Coronavirus (Ansa)

Milano, 22 febbraio 2020 - Tutti i dipendenti del Vodafone Building di via Bisceglie, alla prefieria sud di Milano, quresta mattina sono stati lasciati a casa dalla direzione dell'azienda.

"In linea con le indicazioni del ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità - specifica l'azienda in una nota - Vodafone ha intensificato le misure di controllo e prevenzione della diffusione del Coronavirus. Nel corso delle attività di verifica è emerso che un consulente esterno, che ha lavorato presso una sede periferica di Vodafone, è residente a Codogno. Per questo, in via precauzionale, Vodafone ha chiesto ai dipendenti che lavorano in tale sede di lavorare in smart working da lunedi 24 a mercoledì 26 febbraio". 

Di conseguenza ai dipendenti, circa 250 in tutto, sebbene la sede non sia chiusa, ieri sera è stato detto di rimanrese a casa e svolgere le rispettive mansioni con il telelavoro. Il conulente è stato invitato a sottoporsi agli esami per verificare l'eventuale contagio da coronavirus.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?