Villa Burba “star“ del Fai. Ciceroni i liceali del Rebora

La dimora di Rho, realizzata tra il 1635 e il 1665 e restaurata l’anno scorso fu abitata dal conte Porro Lambertenghi e dal marchese Cornaggia Medici.

Villa Burba “star“ del Fai. Ciceroni i liceali del Rebora

Villa Burba “star“ del Fai. Ciceroni i liceali del Rebora

Le sale affrescate e il parco storico di Villa Burba, recentemente restaurati, sono tra i luoghi del Fai per la XXXII edizione delle Giornate di primavera in programma sabato 23 e domenica 24 marzo. In occasione dell’evento dedicato al patrimonio culturale e paesaggistico italiano, tra i 750 luoghi visitabili, sparsi in 400 città, dopo il teatro de Silva e il palazzo municipali scelti negli anni scorsi, questa volta tocca al complesso di Villa Burba di Rho. A fare da ciceroni saranno gli studenti del liceo Rebora, che in questi mesi si sono preparati per raccontare ai visitatori le meraviglie di questo luogo. "Dopo i grandi restauri del 2023, vogliamo far conoscere ancora meglio il nostro piccolo gioiello, che racchiude elementi di arte, storia e natura – commenta l’assessora alla cultura, Valentina Giro –. Quest’anno la tradizionale Festa della Burba è stata ripensata per lasciare spazio alle giornate Fai di Primavera, che segnano la riapertura definitiva della villa dopo i lavori ma anche l’inizio di una nuova stagione culturale. L’idea è che nel 2024 la festa della Burba sia tutto l’anno, con una programmazione di iniziative coinvolgenti, tra laboratori ed esperienze destinate soprattutto alle famiglie, che presto presenteremo. Gli studenti ciceroni del liceo Rebora accompagneranno i i visitatori a conoscere la villa e il giardino".

Come ha ricordato il presidente del Fai, Marco Magnifico, l’obiettivo delle Giornate è di "raccontare il patrimonio culturale per educare la collettività a proteggerlo e a prendersene cura" e la villa di delizia rhodense ha molto da raccontare. A chi partecipa alle visite viene suggerito un contributo libero a partire da 3 euro. Gli iscritti al Fai o i nuovi iscritti durante l’evento potranno beneficiare dell’accesso prioritario in tutti i luoghi, e di aperture e visite straordinarie in molte città e altre agevolazioni e iniziative speciali. Villa Burba, recentemente sottoposta a restauri nelle sale affrescate e nel parco storico, fu realizzata tra il 1635 e il 1665 come residenza di campagna, e, dopo una lunga serie di passaggi di proprietà, nel 1873 venne acquisita dalla famiglia Cornaggia Medici. Fu dimora di numerose figure storiche, tra cui il conte Porro Lambertenghi e il marchese Giovanni Cornaggia Medici. Dal 1966 è di proprietà del Comune. Le visite sono previste sabato dalle 14 alle 18, ultimo ingresso alle ore 17.30; domenica dalle 10 alle 18, con ultimo turno alle 17.30. Il luogo è accessibile ai disabili.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro