Quotidiano Nazionale logo
16 mar 2022

Via Padova, ipotesi di corsia riservata per il bus: "Ma spariranno 107 parcheggi"

Progetto nel tratto Giocosa-Cavezzali. Ma l'opposizione è sul piede di guerra

marianna vazzana
Cronaca
In attesa della nuova corsia preferenziale per gli autobus in via Padova, 
16 Marzo 2022, 
ANSA/MARCO OTTICO
Nuova corsia per autobus

Milano - Una corsia preferenziale in direzione centro per il bus 56 in via Padova, creando un senso unico verso la periferia per tutti gli altri mezzi motorizzati, nel tratto tra via la rotonda di via Giacosa e via Cavezzali, una striscia di 750 metri. L’ipotesi è sul tavolo del Municipio 2, che esprimerà un parere (obbligatorio e non vincolante) sul progetto inviato dalla Direzione Mobilità di Palazzo Marino il prossimo 24 marzo. Ma l’opposizione, in particolare la Lega, è sul piede di guerra: "Spariranno 107 parcheggi". In via Padova è già cominciata una “mini rivoluzione“ che prevede per il tratto tra via Giacosa e via Anacreonte ampliamento di marciapiedi, posa di fioriere e alberi, rialzo della carreggiata, rastrelliere per bici, messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali e pavè di pregio. Tutto in un quadro di “Zone 30“.

La corsia riservata per il bus sarebbe il passo successivo. In base a uno studio di Amat, il traffico privato diminuirebbe fino al 65% ma, per contro, si avrebbe un incremento di circa il 15% dei flussi su via Leoncavallo (con diminuzione dell’8% su via Costa). Quanto ai parcheggi: la riqualificazione della strada senza la corsia riservata farebbe “saltare“ 49 posti auto nella zona. Con la corsia, ne sparirebbero 107. "Noi siamo contrari all’ipotesi – evidenzia Luca Lepore (Lega) –: il traffico confluirà nelle strade attorno, non aumenterà la frequenza dei mezzi pubblici e ci saranno difficoltà anche per i residenti e la clientela dei negozi. È una scelta ideologica: non si ha il coraggio di pedonalizzare e si sceglia una soluzione ibrida". Il presidente del Municipio 2 Simone Locatelli, di centrosinistra, sottolinea invece che "questa idea si inserisce in un intevento più ampio, che parte da piazzale Loreto, per rivisitare gli spazi pubblici in chiave pedonale. Il bus viaggia già in corsia riservata nel primo tratto; ora si vuole potenziare il trasporto pubblico e valorizzare la vocazione pedonale dell’area attorno al parco Trotter. Quanto ai parcheggi: stiamo ragionando sulla creazione di stalli a lisca di pesce nelle vie Jesi e Tarabella"

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?