Vandali nei locali di “Milano Sospesa“. Denunciati quattro ragazzi di 15 e 16 anni

Vandali nei locali di “Milano Sospesa“. Denunciati quattro ragazzi di 15 e 16 anni

Vandali nei locali di “Milano Sospesa“. Denunciati quattro ragazzi di 15 e 16 anni

Quattro ragazzi di 15 e 16 anni sono stati denunciati in stato di libertà dai carabinieri della stazione Milano Vigentino per danneggiamento e invasione di terreni ed edifici, in concorso tra loro. Le indagini dei militari sono partite dopo l’intrusione di ignoti, la notte tra il 7 e l’8 agosto scorsi, nei locali dell’oratorio della parrocchia Santa Maria Liberatrice e dell’associazione no profit “Milano Sospesa“, nata per supportare gli sfollati di via Antonini dopo il maxi rogo del 29 agosto 2021 e poi rimasta in vita, a disposizione di chi è in difficoltà.

Durante il blitz vandalico è stata messa a soqquadro l’area in cui si raccolgono gli oggetti donati, in più sono stati svuotati due estintori, imbrattando tutti gli spazi. L’associazione aveva lanciato un appello sui suoi canali social chiedendo ai cittadini della zona di dare una mano per rimettere tutto in ordine, e sono arrivati tanti aiuti, tra cui quello speciale dei carabinieri che hanno dato una mano a rimettere in ordine nei momenti liberi dal servizio.

Le indagini dei carabinieri della stazione Vigentino, supportate dall’analisi dei sistemi di videosorveglianza, hanno poi permesso di identificare i minori, tutti nati in Italia, di cui tre con precedenti per reati contro la persona e contro il patrimonio, ed eseguire delle perquisizioni domiciliari delegate dall’Autorità Giudiziaria, che hanno permesso di trovare e sequestrare i loro telefoni cellulari e alcuni indumenti indossati durante l’incursione.

Uno di loro, un quindicenne residente a Milano, è stato anche trovato in possesso di un portafogli risultato rubato, quindi è stato anche denunciato per ricettazione.

M.V.