Scarpette rosse contro la violenza sulle donne sono state buttate giù dal ponte dell’Ortica. L’atto vandalico, che ha rovinato l’installazione artistica sul sovrappasso ferroviario tra le vie Ortica e Tucidide, è stato denunciato ieri dall’associazione Orme, Ortica memoria, promotrice dell’iniziativa:...

Scarpette rosse contro la violenza sulle donne sono state buttate giù dal ponte dell’Ortica. L’atto vandalico, che ha rovinato l’installazione artistica sul sovrappasso ferroviario tra le vie Ortica e Tucidide, è stato denunciato ieri dall’associazione Orme, Ortica memoria, promotrice dell’iniziativa: "Alcuni vandali hanno staccato e rovinato l’installazione del progetto Scarpette rosse. Non molliamo, Orme lancia l’appello a chi volesse aiutarci consegnandoci un paio di scarpe da donna che provvederemo a verniciare di rosso per restaurare il tutto. Potrete farcele pervenire nella nostra sede di via San Faustino 5. Non arrendiamoci alla stupidità paranoica di qualcuno".

Il progetto era stato inaugurato un anno fa, coinvolge i quartieri tra Ortica e Cimiano e si ispira all’opera dell’artista messicana Elina Chauvet: in più “stazioni“ sono state appese targhe, ciascuna dedicata a una vittima di femminicidio e a un suo monologo interiore, e tante scarpette rosse che rappresentano strazio, paura e sangue. E’ un’opera partecipata, realizzata grazie al contributo volontario di tanti cittadini e associazioni di quartiere, con il patrocinio del Municipio 3.

L’Anpi esprime "profonda esecrazione per la vandalizzazione. Il vergognoso atto - sottolinea il presidente provinciale Roberto Cenati - mette ancora di più in rilievo la necessità, da parte di tutti noi, di avviare una estesa iniziativa di carattere ideale e culturale volta a scuotere le coscienze, sulla drammatica questione dei femminicidi e della violenza alle donne".

M.V.