Legambiente Cormano (Foto Facebook)
Legambiente Cormano (Foto Facebook)

Milano, 5 marzo 2019 - Milano Nord in tilt a causa di traffico e smog. Per questo, Legambiente lancia un Sos. "La situazione delle infrastrutture della zona nord di Milano e' inaccettabile - ha detto e Marzio Marzorati, vicepresidente di Legambiente Lombardia- siamo fortemente preoccupati della realizzazione di nuove strade e autostrade, senza nessuna azione di cura e manutenzione di quelle esistenti: i cantieri interrotti della Rho-Monza e il degrado della superstrada Milano-Meda ne sono l'esempio. È una situazione preoccupante che pregiudica sicurezza e salute dei cittadini e crea uno stato di degrado esteso, che coinvolge tutto il territorio del nord Milano: stiamo circondando le nostre case di bruttezza".

Per lanciare l'allarme, Legambiente Lombardia questa mattina alle 8.30 ha tenuto un sit-in a Cormano, all'incrocio tra via Figini e via Dei Giovi, con rappresentanti dei circoli di Cormano, Bollate, Paderno Dugnano e Cusano Milanino. "L'area a nord di Milano e' storicamente congestionata dal traffico - ha spiegato Luigi Lunardi, presidente del circolo Legambiente di Paderno Dugnano - i problemi sono aumentati negli ultimi anni a causa dei lavori dell'autostrada Rho-Monza, che dovevano essere ultimati per Expo, ma i cui cantieri si sono fermati da alcuni mesi" per difficoltà economiche di una delle imprese appaltatrici che ha chiesto il concordato preventivo al Tribunale di Roma. "Nonostante già all'epoca del progetto fossimo stati molto critici in particolare per l'impatto della strada a piu' corsie sul territorio", Legambiente oggi chiede "il completamento quantomeno dei cantieri gia' aperti, che deturpano inutilmente il paesaggio".

Il luogo scelto per il presidio di questa mattina e' emblematico proprio della situazione di "congestione insostenibile" del traffico: "Oggi code di auto tra Bollate, Paderno Dugnano, Cusano Milanino e Cormano sono la quotidianita', rendono irrespirabile l'aria e invivibili le città - ha commentato Anna Merli, direttivo del circolo Legambiente di Cusano Milanino - siamo in una situazione di emergenza che serve sbloccare urgentemente, eppure tutti partiti a livello regionale non hanno fatto niente per risolvere il problema. Ci ritroviamo in una condizione di immobilita' e mancanza di informazioni da parte delle istituzioni sul futuro della mobilita' in quest'area".

L'associazione si unisce al malcontento dei cittadini che lamentano l'assenza delle amministrazioni locali e di Citta' Metropolitana: "A Bollate da mesi sono le frazioni di Cassina nuova e Cascina del Sole, a soffrire pesantemente del mancato completamento della A52, perche' il traffico si concentra in questo tratto congestionato - ha aggiunto Marco Moschetti, presidente circolo di Bollate - abbiamo chiesto al Comune di vietare almeno il transito dei mezzi pesanti nelle ore di punta, ma siamo stati inascoltati. Un piccolo spiraglio di speranza che la situazione possa sbloccarsi arriva dall'audizione in Regione alla quale hanno partecipato qualche giorno fa tra gli assessori di Paderno Dugnano e il sindaco di Bollate. Dall'incontro e' emersa un'ipotesi di apertura entro 10 mesi del tratto della complanare per il collegamento con la Comasina".