Traffico di droga alla “Barona”, sgominata banda attiva tra Milano, Pavia e Olbia: 14 persone arrestate

L’organizzazione era molto articolata e suddivisa in sotto-gruppi: i membri usavano dalle moderne tecnologie ai tradizionali passaparola

Carabinieri in azione in un'operazione

Carabinieri in azione in un'operazione

Sgominato un traffico di droga attiva tra Milano Pavia, in Lombardia, e Olbia, in Sardegna. Il Reparto anticrimine dei carabinieri ha arrestato 14 persone indiziate a vario titolo per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, traffico e cessione di stupefacenti, nonché detenzione e porto abusivo di arma da fuoco.

L’autorità giudiziaria ha disposto che 12 indagati siano detenuti in carcere, uno agli arresti domiciliari e uno sottoposto all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Le indagini hanno scoperto che l’organizzazione era dedita al traffico e allo spaccio di droga attiva nel quartiere milanese della “Barona”, dove la droga e veniva distribuito in due piazze di spaccio sotto il controllo del gruppo criminale investigato.

I provvedimenti scaturiscono dagli esiti di una complessa attività investigativa condotta dal Ros di Milano a partire dal 2021 e costituiscono un secondo approdo repressivo che fa seguito ai provvedimenti restrittivi eseguiti il 26 aprile 2023, nell'ambito di più ampia operazione che, all'epoca, aveva visto protagonisti anche i Carabinieri della Compagnia di Corsico, la Polizia Penitenziaria del carcere di Opera e lo stesso Reparto Anticrimine che, nella circostanza, aveva eseguito un fermo di indiziato di delitto a carico di 8 soggetti.

Nascondigli di armi

Le attività hanno documentato come il gruppo investigato potesse contare anche su armi da fuoco custodite da soggetti compiacenti presso appositi nascondigli, localizzati anche all'interno di locali pubblici. Proprio in relazione a tale ultimo aspetto, l'ordinanza andata in esecuzione all'alba di oggi ha disposto la cattura di due individui, indiziati di avere posto a disposizione dell'associazione una pistola, della quale il vertice del gruppo necessitava per regolare alcune controversie sorte con degli dì albanesi all'interno di una discoteca cittadina.

Sotto-strutture e passaparola

L'inchiesta ha permesso di accertare studiati moduli organizzativi interni al sodalizio, attuati proprio col fine di minimizzare i danni connessi agli interventi di magistratura e forze dell'ordine. Il sodalizio, in particolare, si è articolato in sotto-strutture le cui reciproche interlocuzioni – necessarie al coordinamento delle comuni attività illegali – erano rese non intercettabili attraverso il ricorso a moderne tecnologie di comunicazione criptata o ai più tradizionali "passaparola".

L'associazione investigata era in grado di esprimere il proprio potenziale nel settore del narcotraffico alimentando un canale di smercio diretto in Sardegna, in particolare nella provincia di Olbia, ove lo stupefacente giungeva opportunamente occultato a bordo di camion. In questo ambito, sono state ricostruite sei vendite di stupefacente, ciascuna di cinque kg di cocaina, per un controvalore stimato in circa un milione di euro.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro