Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
13 dic 2020

Tra processi e depistaggi la verità è incompleta

Ma per i giudici i neonazisti Franco Freda, Giovanni Ventura e Carlo Digilio sono tra i “responsabili“ della strage

13 dic 2020
La manifestazione degli anarchici in serata
La manifestazione degli anarchici in serata
La manifestazione degli anarchici in serata
La manifestazione degli anarchici in serata
La manifestazione degli anarchici in serata
La manifestazione degli anarchici in serata

Tre neofascisti tra i responsabili della strage e 17 vittime per l’ordigno esploso dentro la banca. Più la 18esima, il ferroviere anarchico Pino Pinelli un innocente precipitato da una finestra della questura dopo che a forza di spingerlo durante l’interrogatorio era finito seduto sul davanzale, come racconta solo ora a 99 anni il vicecapo del Sid (il servizio segreto di allora) Gian Adelio Maletti. In questa storia infinita c’è anche il “mostro“ pure lui anarchico, prima arrestato e poi assolto. E quindi tre ondate di inchieste e di processi nel corso di 35 anni per arrivare nel 2005 a una verità solo parziale ma definitiva: la bomba in piazza Fontana, il 12 dicembre del 1969, la mise Ordine nuovo, gruppo di estrema destra del Veneto. Sono 51 gli anni trascorsi da quel pomeriggio di morte. Un altro ordigno, non esploso, verrà ritrovato in un corridoio della Banca Commerciale in piazza della Scala. E quasi nello stesso momento altre tre bombe scoppiarono a Roma, fortunatamente senza causare vittime. Era l’avvio della strategia della tensione messa in atto da formazioni neofasciste per influenzare l’opinione pubblica e trascinare il Paese in una spirale autoritaria. Dopo appena 72 ore dalla tragedia, venne arrestato il “colpevole” però tra le file degli anarchici, quel Pietro Valpreda che dopo più di tre anni di carcere preventivo sarà scagionato.Ci vorranno tre serie di processi, tra Catanzaro, Bari, Roma e finalmente Milano, a partire dalla fine degli anni ’70 e fino all’inizio del nuovo millennio, per identificare tra i veri “responsabili” dell’attentato i due militanti della cellula padovana di Ordine nuovo Franco Freda e Giovanni Ventura oltre al “pentito” nero Carlo Digilio, l’esperto di esplosivi che ammise di aver visionato la bomba in partenza per Milano. E la verità giudiziaria, per quanto incompleta, si estende allo stesso generale Maletti del Sid ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?