“Torneranno i prati“: ciclo di film d’autore

Rassegna al Metropolis di Paderno Dugnano: film di autori internazionali e italiani, incontri con l'autore, dibattiti con il pubblico. Da lunedì 8 gennaio, "Il grande carro" di Philippe Garrel.

“Torneranno i prati“: ciclo di film d’autore
“Torneranno i prati“: ciclo di film d’autore

Cineteca Milano Metropolis di Paderno Dugnano e Filmidee aprono il 2024 con “Torneranno i prati“, la rassegna dedicata al ritorno in sala di film importanti e originali. In cartellone, infatti, entreranno film di autori internazionali e italiani, che sono protagonisti di un cinema che troppo spesso non trova lo spazio che meriterebbe nelle sale. "La selezione che presentiamo al Metropolis è composta da titoli che suscitano curiosità e interesse e che fanno dibattere", spiegano i promotori dell’iniziativa. Il programma inizia lunedì e vedrà anche incontri con l’autore e con altri professionisti: ogni pellicola sarà infatti presentata dai critici di Filmidee. Lunedì 8 gennaio, alle 20,45, si parte con “Il grande carro“ di Philippe Garrel: una famiglia gestisce uno spettacolo itinerante e, alla morte del padre, i restanti componenti tentano di mandare avanti l’attività. Lunedì 15 gennaio, alla stessa ora, gli spettatori potranno vedere “La strada per le montagne“, il film di Micol Rubini che narra la ricerca di una casa, quella del nonno della regista, raffigurata in una fotografia del 1919. Un mistero collettivo che è stato ambientato in un remoto villaggio nell’Ovest dell’Ucraina. Per l’occasione, la regista Micol Rubini sarà presente nella sala di via Oslavia per un incontro e un dibattito con il pubblico. Lunedì 29 gennaio, sempre alle 20,45, sarà proiettato “Manodopera“, la pellicola di animazione di Alain Ughetto, uscita nel 2022, che racconta l’emigrazione italiana in Francia nei primi anni del Novecento in un film poetico e personale con pupazzi in plastilina e con le musiche di Nicola Piovani. Il regista, nipote dei protagonisti Luigi e Cesira, ha ricostruito le avventure dei suoi nonni, ripercorrendo la storia delle sue origini italiane.

La.La.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro