Testamento falsificato e circonvenzione d’incapace: congelata l’eredità di un’anziana, sequestrati beni per 1,2 milioni

Indagato il vicepresidente di un’associazione di volontariato milanese, il quale in precedenza avrebbe anche tentato di farsi nominare amministratore di sostegno della donna

Guardia di finanza

Guardia di finanza

Milano – La Guardia di finanza di Milano, su delega della procura, ha sequestrato tutti i beni immobili e le disponibilità finanziarie dell'eredità di una donna defunta, vittima di circonvenzione d'incapace, per un valore di oltre 1,2 milioni di euro.

Le indagini dei militari del nucleo di polizia economico-finanziaria di Milano e della sezione di polizia giudiziaria delle Fiamme gialle in procura hanno permesso di accertare la falsificazione di un testamento olografo di una signora di 82 anni, venuta a mancare a novembre dello scorso anno, a favore del vicepresidente di un'associazione di volontariato di Milano che è quindi divenuto l'unico erede di tutti i suoi beni. Dagli accertamenti è emerso come l'indagato, all'epoca dei fatti vicepresidente di un'associazione di volontariato a sostegno di malati terminali, che la signora aveva iniziato a frequentare nell'ultimo periodo di vita, abbia indotto quest'ultima, abusando del suo stato di fragilità, all'elargizione di diverse migliaia di euro nonché a farsi carico delle rate di un contratto di finanziamento per l'acquisto di un'auto.

Tra l'altro, poco dopo il ricovero in ospedale, l'indagato avrebbe anche tentato di farsi nominare amministratore di sostegno della vittima, istanza poi rigettata dal giudice tutelare. Le indagini tempestivamente avviate, i cui esiti sono stati condivisi dall'autorità giudiziaria, hanno consentito di congelare l'intero patrimonio, evitandone il depauperamento a favore dell'indagato, in danno dei legittimi eredi

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro