Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
8 mag 2022

Il rebus della scuola a tempo pieno. Lo chiedono in troppi, ma mancano gli organici

Richiesto dal 94% delle famiglie, si riesce a fatica ad accontentarne il 92%. "A rischio il patto territoriale"

8 mag 2022
Il prossimo anno alle elementari di Milano e provincia ci saranno circa 2.200 bambini in meno
Il prossimo anno alle elementari di Milano e provincia circa 2.200 bambini in meno
Il prossimo anno alle elementari di Milano e provincia ci saranno circa 2.200 bambini in meno
Il prossimo anno alle elementari di Milano e provincia circa 2.200 bambini in meno

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano - «L’organico non si tocca, nonostante il calo degli studenti": lo aveva preannunciato il ministro all’Istruzione Patrizio Bianchi dal palco della Triennale di Milano. Ma c’è un rebus da risolvere, soprattutto a Milano, e si chiama “tempo pieno“. "È stato scelto dal 94% delle famiglie alle primarie, con grandi sforzi si riuscirà a garantirlo al 92% – fa il punto Massimiliano Sambruna, segretario generale Cisl Scuola –. E non si può parlare più di “tempo pieno“, ma di “tempo scuola“, che prevede un massimo di 40 ore".

"Il tempo pieno a Milano non è un capriccio, ma una necessità sociale, soprattutto nei quartieri più periferici – ribadisce il preside dell’istituto comprensivo Cardarelli-Massaua, Manfredo Tortoreto – abbiamo famiglie di muratori, badanti, ambulanti che escono al mattino presto e rientrano tardi e che confidano nella presenza della scuola. Va garantito". Il nodo resta quello del personale.

"Alle primarie sono più le quinte in uscita (con 25.805 bimbi) rispetto alle prime in entrata – spiega il sindacalista – non saranno autorizzate 24 prime tra Milano e provincia. Ma il calo non si vede ancora alle medie e soprattutto alle superiori, dove invece servirà più organico". La coperta corta si sposta più in là. Mentre il provveditore Yuri Coppi, anche a margine dell’incontro in Triennale, aveva ribadito l’impegno: "Tra Milano e provincia avremo un calo di 2.200 ragazzi circa, che però non si tradurrà in una diminuzione delle classi perché aumentano i ragazzi con disabilità e quindi cambiano i numeri degli alunni nelle aule. L’obiettivo nostro resta quello di tutelare a tutti i costi il tempo pieno, che oggi copre il 93% del totale".

Percentuale unica non solo a livello italiano ma lombardo. Fatta eccezione per Lodi e Monza e Brianza – dove il tempo pieno è presente nell’88 e nell’84% delle classi primarie – non è così capillare altrove: a Bergamo e Lecco è attivo solo nel 18% , a Pavia raggiunge il 37%. In Lombardia, in media, prevede e garantisce il tempo pieno una classe su due.

"C’è un problema di fondo che va affrontato a Milano – conclude Massimiliano Sambruna –, al di là del fatto che il tempo pieno sia scelto come metodo didattico o come “parcheggio“ queste percentuali dimostrano un’esigenza delle famiglie che ha bisogno di risposte da parte del ministero nell’assegnazione dell’organico o nell’individuazione di altri servizi con gli enti locali. Altrimenti rischia di saltare il patto territoriale".

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?