Quotidiano Nazionale logo
27 apr 2020

Tecnici specializzati rimasti disoccupati si mettono in rete: "E ora chiamateci"

Sono tecnici abituati a lavorare su grandi eventi rimasti da un giorno all’altro senza show, professionisti dello spettacolo che si sono messi "al servizio dell’emergenza"

featured image
featured image
Emilio Simeone

Milano, 27 aprile 2020 - Sono tecnici abituati a lavorare su grandi eventi rimasti da un giorno all’altro senza show, professionisti dello spettacolo che si sono messi "al servizio dell’emergenza". La rete “Chiamatenoi” è nata nei giorni del lockdown e ora coinvolge circa 900 professionisti: uno su nove opera in Lombardia. "Stare fermi non ci piace - spiega Emilio Simeone, uno dei promotori del progetto - non vogliamo aspettare gli ammortizzatori sociali, che comunque non ci basterebbero per vivere, ma abbiamo cercato fin da subito di ricollocarci".

Hanno aperto un sito internet (www.chiamatenoi.it) che è una vetrina per tecnici specializzati, liberi professionisti rimasti a casa dopo lo stop agli eventi, dalla quale le aziende possono pescare nel caso di necessità improvvisa di personale legata all’emergenza e non solo. Ci sono elettricisti e tecnici audio, autisti e addetti alla produzione, macchinisti e allestitori di palchi per grandi eventi. "Cerchiamo di far incontrare domanda e offerta di lavoro in questo momento senza precedenti - prosegue Simeone - lavorare con la pubblica amministrazione è più complicato, mentre invece stiamo costruendo una rete di aziende private. Si aprono possibilità nel campo agroalimentare e della logistica, nel giardinaggio e nell’e-learning".

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?