Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 gen 2022

"Tambè fu chiamato a occuparsi di Astrit"

Il “pentito“ Carmelo Arlotta parla dell’uomo accusato di aver tenuto fermo Lamaj mentre veniva strangolato

20 gen 2022
L’albanese Astrit Lamaj fu strangolato e murato in un pozzo a Senago per ordine di Carmela Sciacchitano
L’albanese Astrit Lamaj fu strangolato e murato in un pozzo a Senago per ordine di Carmela Sciacchitano
L’albanese Astrit Lamaj fu strangolato e murato in un pozzo a Senago per ordine di Carmela Sciacchitano
L’albanese Astrit Lamaj fu strangolato e murato in un pozzo a Senago per ordine di Carmela Sciacchitano
L’albanese Astrit Lamaj fu strangolato e murato in un pozzo a Senago per ordine di Carmela Sciacchitano
L’albanese Astrit Lamaj fu strangolato e murato in un pozzo a Senago per ordine di Carmela Sciacchitano

Il pentito torna per la terza volta a Monza a testimoniare sull’omicidio dell’albanese strangolato a morte a Muggiò e poi murato in un pozzo artesiano a Senago. L’occasione è un altro processo davanti alla Corte di Assise per il sesto arrestato per la morte di Astrit Lamaj, 42enne scomparso nel gennaio 2013 da Genova e rinvenuto nel gennaio 2019. Accusato di concorso in omicidio volontario Salvatore Tambè, 45enne di Riesi (Caltanissetta), già agli arresti domiciliari per associazione mafiosa e ora in carcere perché ritenuto colui che ha tenuto fermo la vittima durante l’omicidio. Lui invece sostiene che in quegli istanti si trovava all’ufficio postale. Le indagini, coordinate dal pm della Procura di Monza Rosario Ferracane, nascono dalle dichiarazioni del pentito Carmelo Arlotta, riesino residente a Muggiò, secondo cui l’albanese è stato attirato in un box per una compravendita di marijuana, stordito e strangolato con un filo di nylon. A commissionare il delitto ai compaesani siciliani sarebbe stata Carmela Sciacchitano, 64enne residente a Genova, per vendicarsi di essere stata lasciata dall’albanese. La donna ha patteggiato 16 anni, mentre le condanne con il rito abbreviato a 30 anni e 14 anni di reclusione sono andate rispettivamente ad Angelo Arlotta e al fratello Carmelo. Per la terza volta ieri Carmelo Arlotta è arrivato al Tribunale di Monza per raccontare la sua versione sull’omicidio, nascosto dietro un paravento alla vista di Salvatore Tambè, collegato al processo da remoto dal carcere. "Salvatore lo conosco da sempre, abitavamo tutti e due a Riesi e lui si è affiliato a Cosa Nostra ancora prima di me - ha raccontato in aula il collaboratore di giustizia - Gli hanno fatto un paio di agguati mafiosi e gli hanno ammazzato due fratelli. A Riesi lui aveva una concessionaria di auto prima di trasferirsi al Nord". Secondo il pentito anche ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?