Svolta Informagiovani. Nuova sede in Darsena: "Attività nell’ex casello contro la malamovida"

Lo spazio comunale lascia via Dogana e si trasferisce in piazzale Cantore. L’assessora Riva: "Trasloco in aprile, sì a eventi e attività per gli under 35. Un esempio virtuoso da seguire è lo Spazio Baroni 85 al Gratosoglio".

Svolta Informagiovani. Nuova sede in Darsena: "Attività nell’ex casello contro la malamovida"

Svolta Informagiovani. Nuova sede in Darsena: "Attività nell’ex casello contro la malamovida"

Addio a via Dogana, addio al centro storico. L’Informagiovani cambia sede per lasciare spazio alla sede bis del Museo del Novecento nel secondo Arengario e trasloca in Darsena, o meglio, nell’ex casello daziario di piazzale Cantore 14 e nel primo piano e nell’ammezzato dell’immobile limitrofo di piazzale Cantore 10. L’assessora alle Politiche giovanili Martina Riva fa sapere che il trasloco dell’Informagiovani avverrà in primavera. Entro aprile gli spazi dovrebbero essere adeguatamente adibiti.

"L’ex casello – sottolinea Riva – sarà la nuova Casa delle politiche Giovanili del Comune: non sarà solo sede dell’Informagiovani (che proseguirà con le attività di orientamento e servizi rivolto agli under-35, con laboratori, sportelli lavoro e studio, sportelli di aiuto e ascolto, volontariato) ma sarà uno spazio per eventi, iniziative e attività dedicati ai giovani e in cui i giovani sono protagonisti". La nuova sede, a pochi passi dalla Darsena, uno dei luoghi più “caldi“ della movida milanese, non è stato scelto a caso. "Nei prossimi mesi – aggiunge l’assessora – apriremo la ricerca dei partner per realizzare un palinsesto di eventi e iniziative che animino tutto l’anno la Casa delle Politiche Giovanili. La ricerca e la messa a disposizione di spazi in cui i giovani possano essere protagonisti è al centro delle azioni delle Politiche Giovanili del Comune. Siamo convinti che per combattere la “mala movida” e trasformarla in “buona movida” sia necessario convogliare le loro energie positive in progetti in cui si sentano protagonisti, che possano costruire loro stessi, seguendo le loro inclinazioni, passioni e interessi e per questo serve aiutarli a trovare gli spazi per farlo".

Sempre in tema di giovani, Riva cita anche un altro immobile comunale: "Un esempio importante è quanto sta accadendo allo Spazio Baroni 85, l’ex scuola dell’infanzia diventata hub per i giovani, al Gratosoglio, spazio cogestito dal Comune con tante realtà del Terzo Settore".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro