Il rendering dell’area a lavori ultimati
Il rendering dell’area a lavori ultimati

Milano, 18 marzo 2018 - Si comincerà in piazza Luigi di Savoia, con dehors, nuove attività commerciali e spazi per passeggiare e fermarsi anche solo a guardare la stazione Centrale da uno scorcio nuovo, senza più viavai di bus, già dall’estate. Poi, il prossimo anno, nuova linfa in piazza IV Novembre. Mentre procederanno i lavori per un parcheggio nel ventre della stazione e continuerà il cammino per ridare vita ai Magazzini Raccordati, che già sono location del Fuorisalone. 

Il processo di rigenerazione di tutta l’area della stazione Centrale, attraversata ogni giorno da 400mila persone, è già realtà. Soprattutto, c’è un tavolo con un disegno unico che riunisce Comune, Grandi Stazioni Retail, Municipio 2 e numerose associazioni dei quartieri. I progetti sono stati annunciati ieri all’Hotel Gallia, durante un incontro. «Parliamo di una zona che ha già fatto grandi passi avanti e che va guardata con l’ottimismo che ha mosso l’interesse di tante persone – le parole del sindaco Beppe Sala – e abbiamo il dovere di premiare questo attivismo. Voltiamo pagina, andiamo verso un modello tipicamente milanese, con una visione di lungo di termine ma con una parte di progettualità che parta subito». 

In piazza Luigi di Savoia i lavori sono già cominciati: entro l’estate Grandi Stazioni Retail aprirà alcuni spazi con nuove attività commerciali. L’area di sosta dei bus turistici e per gli aeroporti verrà spostata nell’altro controviale, con l’obiettivo di rendere il “lato stazione” più vivibile, un luogo piacevole da frequentare e più sicuro. Stesso intento per il tratto di piazza IV Novembre, che cambierà volto nel 2019. «La stazione Centrale - commenta l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran - è la porta principale di accesso alla città. A 5 minuti a piedi abbiamo Nolo, Buenos Aires, il centro, Porta Nuova, la Martesana. Dobbiamo creare le condizioni per raggiungerli a piedi. Dobbiamo far sì che tutte queste realtà dialoghino con la stazione».

Entro il secondo semestre di quest’anno inizieranno i lavori per il parcheggio CM7 nei locali sotto i binari, sul livello della strada, tra le vie Ferrante Aporti, Sammartini e il sottopasso di viale Lunigiana. Una struttura di 26.400 metri quadri che offrirà 430 posti auto e 75 posti moto. Altra partita, quella sul futuro dei Magazzini Raccordati: è allo studio da parte di Grandi Stazioni Retail un progetto di sviluppo sul lungo termine. «Un’unica visione: creare un luogo che si integri con la città», spiega Alberto Baldan, ad di Grandi Stazioni Retail. Al centro: design, arte, cultura. Si attende l’approvazione della variante per il cambio di destinazione d’uso. «I nuovi spazi urbani si configurano come una efficace piattaforma per portare al territorio ulteriori opportunità», conclude l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno.