Stadio, la Giunta tira dritto. Scontro duro a San Donato

Le opposizioni hanno abbandonato l’aula del Consiglio in segno di protesta. Avevano chiesto il ritiro del punto in votazione dopo gli “spiragli“ su San Siro.

Stadio, la Giunta tira dritto. Scontro duro a San Donato

Stadio, la Giunta tira dritto. Scontro duro a San Donato

Stadio del Milan, si va avanti. Con 15 voti a favore e le minoranze politiche che hanno lasciato l’aula in segno di protesta, l’altra sera il consiglio comunale di San Donato ha preso atto dell’iter tecnico-burocratico, col quale verrà esaminata la richiesta di variante urbanistica presentata da Sportlifecity - Milan per la creazione di un’arena da 70mila posti nell’area San Francesco.

Dopo la già avvenuta disamina dei documenti da parte degli uffici comunali e la delibera di giunta che ha decretato la percorribilità del progetto, ora si va verso un accordo di programma, ossia un tavolo sovralocale – promosso dal sindaco di San Donato Francesco Squeri e al quale siederanno, tra gli altri, Regione Lombardia e Città Metropolitana – che dovrà valutare il progetto e cercare soluzioni efficaci alle criticità già riscontrate, a partire dalla necessità di potenziare il trasporto pubblico e allineare ai parametri del Coni il numero di parcheggi (4.200) attualmente previsti a corredo dello stadio. "Nonostante non fosse un passaggio dovuto, abbiamo deciso di sottoporre al consiglio comunale l’illustrazione dell’iter procedurale, in virtù della rilevanza di un progetto che avrà ricadute non solo su San Donato, ma sull’itero Sud Milano – ha spiegato il sindaco durante la seduta –. Restiamo convinti che questo progetto abbia grandi potenzialità, ma diversi aspetti richiedono approfondimenti, integrazioni e modifiche, affinché tutto possa davvero tradursi in un’opportunità per il territorio". Da qui l’accordo di programma, che avrà una durata di 18 mesi, al termine dei quali si tornerà in consiglio comunale per la ratifica.

La votazione della delibera relativa ai passaggi procedurali è avvenuta al termine di un dibattito-fiume, nel quale le minoranze hanno rimarcato dubbi e timori rispetto a un programma urbanistico che avrà impatti importanti su ambiente, sicurezza e viabilità. Visto il recente incontro tra il sindaco di Milano Giuseppe Sala e i vertici di Inter e Milan, incontro che ha riaperto la possibilità di un restyling di San Siro, la consigliera Gina Falbo (Insieme per San Donato) aveva proposto il ritiro del punto in votazione.

Ma la richiesta è stata bocciata. "La maggioranza resta sorda e arroccata su se stessa – è il commento del consigliere Pd Gianfranco Ginelli –, pronta ad andare avanti senza prendere in considerazione alcuna proposta della minoranza".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro