Quotidiano Nazionale logo
12 mag 2022

Soffoca la mamma con lo scotch e si impicca

Omicidio-suicidio al Gallaratese: donna di 90 anni ancora autosufficiente uccisa dal figlio di 56. Corpi scoperti dal fratello di lui

dimarianna vazzana
Cronaca
Tragedia al terzo piano della palazzina di via Delle Ande I due fratelli vivevano al quarto
Tragedia al terzo piano della palazzina di via Delle Ande I due fratelli vivevano al quarto
Tragedia al terzo piano della palazzina di via Delle Ande I due fratelli vivevano al quarto

di Marianna Vazzana

La mamma senza vita sul divano della sala, soffocata dal nastro adesivo che le copriva naso e bocca. Il figlio impiccato nel bagno. Non sembrano esserci dubbi sul fatto che in un appartamento al terzo piano di una palazzina di via Delle Ande 10, al quartiere Gallaratese, sia avvenuto un omicidio-suicidio: a trovare i due corpi, quello di Miranda Pomini, di 90 anni, e del figlio Marco De Marchi, di 56 anni, entrambi di Milano, è stato l’altro figlio della donna che si è trovato davanti la scena macabra aprendo la porta dell’appartamento nel tardo pomeriggio di ieri. Immediata la chiamata al 112. Poi I’intervento dei carabinieri del Radiomobile e del Nucleo operativo Magenta, che sta indagando insieme ai colleghi della stazione di Musocco. Secondo quanto ricostruito, i due fratelli abitavano insieme al piano di sopra e provvedevano alle necessità quotidiane della madre, che viveva sola ed era ancora autosufficiente, ad esempio portandole la spesa.

In base a quanto emerso, la signora non soffriva di malattie particolari ma essendo molto anziana necessitava di aiuti. Ancora da capire il motivo del gesto estremo: l’ipotesi dei carabinieri è che l’uomo, ingegnere che lavorava in proprio e che non aveva mai manifestato palesi segni di squilibro o di depressione, avesse sviluppato una “visione cupa della vita“ alimentata con tutta probabilità anche dal periodo di pandemia. Per anni aveva accudito il padre, deceduto nel 2018, affetto da una malattia degenerativa. Quindi è possibile che vedere la madre invecchiare, e forse pensare che a lungo andare non sarebbe stato in grado di provvedere a lei, abbia acuito una sofferenza diventata via via insopportabile. Fino a portarlo all’omicidio-suicidio. Al momento nell’appartamento non sono emersi elementi che possano far propendere per un’altra pista.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?