Quotidiano Nazionale logo
28 feb 2022

Si barrica e spara, ore di angoscia a Mazzo

Matteo Bandirali, conosciuto otorinolaringoiatra, è uscito dopo una lunga giornata di trattative: in stato confusionale ma vivo

roberta rampini
Cronaca
Due momenti della concitata giornata e, a destra, Matteo Bandirali
Due momenti della concitata giornata e, a destra, Matteo Bandirali
Due momenti della concitata giornata e, a destra, Matteo Bandirali

di Roberta Rampini "Ho sentito le sirene dell’ambulanza e poi quelle dei carabinieri, quando mi sono affacciata ho visto il suo papà era in mezzo alla strada spaventato". Ore drammatiche ieri pomeriggio a Mazzo di Rho, dove Matteo Banderali, 42 anni, si è barricato nel suo appartamento e ha sparato quattro colpi di arma da fuoco. Ci sono volute otto ore di trattativa per convincere il medico di otorinolaringoiatria a uscire dall’appartamento. Matteo dopo la separazione vive da solo in un appartamento al primo piano di Cascina Mazzino di via Gandhi. Ha il porto d’armi e due pistole. Chi lo conosce racconta che non si era mai rassegnato alla fine del matrimonio. La chiamata al 118 è arrivata poco dopo mezzogiorno dal padre Giorgio medico di base, che ha chiesto l’intervento dell’ambulanza per una sospetta intossicazione da farmaci. Il padre, oggi in pensione, è conosciuto perché ha sempre avuto il suo ambulatorio. "È un brav’uomo, un medico sempre disponibile", spiegano i cittadini. Anche Matteo e la sua famiglia sono conosciuti in città. Per tutto il pomeriggio è stato un continuo via via di conoscenti e curiosi: molti dei quali avevano letto la notizia online, altri informati dal tam tam delle persone, si sono recati sul posto per vedere di persona cosa succedeva. Matteo, padre di una figlia di 7 anni, forse aveva paura che qualcosa cambiasse con lei. Ieri mattina ha assunto dei farmaci, troppi, era in stato di alterazione, non si aspettava la visita del padre né tantomeno che lui chiamasse il 118. A quel punto quando ha sentito l’ambulanza ha reagito barricandosi in casa, esplodendo alcuni colpi d’arma da fuoco. L’area di via Gandhi è stata chiusa al traffico, per consentire alle forze dell’ordine del Gruppo intervento speciale di Livorno di intervenire insieme al negoziatore. Fiato sospeso temendo il peggio ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?