Quotidiano Nazionale logo
21 gen 2022

Senago, un parco pubblico sulla vasca di laminazione

L’area verde realizzata per prevenire le inondazioni sarà dotata anche di un velodromo

roberta rampini
Cronaca
Magda Beretta: "Dopo anni di inutili battaglie legali abbiamo dovuto modificare i nostri obiettivi La rigenerazione renderà la zona utilizzabile da parte dei giovani e delle famiglie"
Magda Beretta

Senago (Milano) - Un parco pubblico con velodromo sulla vasca di laminazione che sta sorgendo a Senago. Il progetto di riqualificazione per rendere l’area più fruibile ai cittadini sarà finanziato da Regione Lombardia con due milioni di euro. Il timore dell’amministrazione senaghese, condiviso anche da Aipo e Regione, è quello che una volta chiuso il cantiere possa verificarsi un’ulteriore espansione delle "terre di spaccio". E così, dopo aver ottenuto che la vasca laminasse le acque del Pudiga e del Garbogera torrenti del territorio in alternativa a quelle del Seveso di peggiore qualità, Senago ha ottenuto un altro importante risultato. 

Nell’ultima manovra di Bilancio il consiglio regionale ha approvato un ordine del giorno presentato dal consigliere della Lega, Riccardo Paese, che oltre a essere presidente della Commissione Ambiente del Pirellone, è anche capogruppo della Lega a Senago, per destinare due milioni di euro al progetto. "È prevista la realizzazione di un ciclodromo per iniziative agonistiche, integrato al sistema di ciclabili del Parco delle Groane e alla nuova pista ciclabile che da Abbiategrasso arriverà a Paderno Dugnano – dichiara Pase –. Ci saranno anche dei percorsi sportivi per correre o passeggiare, illuminazione pubblica e arredo urbano che serviranno a trasformare quell’area da una ferita potenzialmente degradata e alla merce di delinquenti e spacciatori, nel più grande parco pubblico attrezzato del nostro Comune". 

Anche la sindaca Magda Beretta, dopo anni di battaglie a suon di carte bollate per bloccare la realizzazione delle vasche oggi è soddisfatta per questo progetto di rigenerazione dell’area, "purtroppo nel corso degli anno, considerato l’esito negativo delle nostre azioni legali per impedire la costruzione della vasca, abbiamo dovuto cambiare l’obiettivo e cioè fare in modo che l’opera fosse il meno impattante possibile. Il risultato è stato raggiunto con grande successo con la laminazione delle acque dei nostri torrenti in alternativa al Seveso, e con questo nuovo progetto siamo riusciti a superare il pericolo di avere un’area degradata sul nostro territorio, la realizzazione di un ciclodromo, inoltre Aipo permetterà di mettere a disposizione dei senaghesi anche le strutture a ridosso del parco, che saranno utilizzate non solo come presidio ma anche per progetti sociali".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?