Sempre più “Punto d’incontro“. Fervono i lavori per Casa Eden

L’associazione creata da Vittorio Caglio nell’Adda Martesana gestisce 6 comunità assistenziali un condominio sociale “pioniere“, tre centri socioeducativi, un cdd e una residenza sanitaria .

Sempre più “Punto d’incontro“. Fervono i lavori per Casa Eden

Disabili impegnati in diverse attività alla cooperativa “Punto d’incontro“ che dedica il suo quarantesimo anno alle persone affette da autismo

La grande intuizione del “patron“ Vittorio Caglio e del gruppo fondatore, una lunga e importante avventura, e quest’anno 40 anni esatti di attività, a fianco di migliaia di disabili e di famiglie: la “Punto d’Incontro“ di Cassano d’Adda celebra un nuovo traguardo, e il 40esimo parte all’insegna dell’autismo. Proseguono infatti a pieno ritmo, nella vicina Vaprio d’Adda, i lavori per la costruzione di “Casa Eden“, centro diurno e residenza per 50 persone con autismo, nuova sfida della Punto d’incontro con la Fondazione Bfz Onlus e Anffas Martesana, cantiere inaugurato nel settembre scorso: porte aperte, a dita incrociate, entro il 2025. Proprio all’autismo, alle possibilità d’approccio, al progetto vapriese, ai servizi territoriali e a una necessaria rete, sarà dedicato il convegno di apertura ufficiale delle celebrazioni, in calendario il 12 aprile al teatro Il Giglio di Inzago. Nel corso dell’anno, tante altre iniziative arriveranno: a onorare, e festeggiare, l’attività di una corazzata che a oggi, sul territorio dell’Adda Martesana, gestisce 6 comunità socioassistenziali, un condominio sociale “pioniere“, 3 centri socioeducativi, un centro diurno disabili, una residenza sanitaria e innumerevoli attività collegate.

Volto e anima di quarant’anni di attività quelli del fondatore e storico direttore Vittorio Caglio. "Il nostro è un progetto sociale in continua evoluzione – dice –. Il 40esimo è una bella tappa di un cammino lungo, portato avanti con tanto entusiasmo e soddisfazioni, nonostante le ovvie difficoltà. Festeggeremo il nostro anniversario con eventi diversi: da momenti di approfondimento sulla disabilità ad altri di festa con i nostri “ragazzi“". È arrivato ai cantieri dopo un lungo iter, a coronamento di un sogno “partito da lontano“, il centro Casa Eden. Promotore, con la Punto d’incontro, l’imprenditore Franco Baroncini, padre di una disabile oggi deceduta, che a questo sogno ha devoluto energie e fondi. Oggi il traguardo si avvicina. In Martesana come altrove l’autismo è fenomeno in crescita. Dilagante e misteriosa. L’appello partì forte all’evento a più voci che accompagnò l’inaugurazione: "Non ci si può permettere di stare fermi. Bisogna dare risposte. Fare, formare, studiare: e soprattutto investire". All’autismo è già dedicata, a Inzago, l’attività del Centro Van Gogh, "dove opera un team formato ed esperto – così Caglio –. Un know how che ci prepariamo a ‘sdoppiare’ su Vaprio. Arriveremo pronti".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro