Scoppia la rissa in stazione. Denunciato, tenta di ferirsi

Rho, l’allarme lanciato dai cittadini, ma alla vista degli agenti il tunisino ha dato in escandescenza urlando e scalciando. Lo scontro nato per un debito di 150 euro con un connazionale.

Un tunisino di 40 anni è stato denunciato dal Commissariato di Rho-Pero per resistenza a pubblico ufficiale. È successo l’altra sera in piazza della Libertà, davanti alla stazione ferroviaria. L’uomo è stato fermato da alcuni agenti che volevano informazioni in merito a un litigio che si era verificato poco prima e per il quale alcuni cittadini avevano chiamato la centrale operativa del 112. Alla vista dei poliziotti il nordafricano, che era seduto su una panchina, ha iniziato ad innervosirsi, poi ha dato in escandescenza rifiutando di seguirli. A quel punto gli agenti hanno insistito e lui ha reagito in modo violento opponendo resistenza, urlando, scalciando e tentando di dare gomitate. L’atteggiamento aggressivo è continuato anche all’interno delle celle di sicurezza, dove il 40enne ha tentato di procurarsi delle ferite. Solo quando si è calmato, gli agenti hanno ricostruito quello che era successo prima del loro arrivo. Il tunisino, che aveva un debito di 150 euro con un’altra persona ha raccontato di averlo incontrato per accordarsi sulla restituzione dei soldi, ma poi i due hanno litigato. Ro.Ramp.