MONICA AUTUNNO
Cronaca

Ritorno alla normalità. A 15 giorni dall’alluvione. Bellinzago volta pagina

In programma oggi la tradizionale Sagra del latte: "Ora ci serve allegria". Per tutta la giornata iniziative, ritrovo e svago: la festa sa di ripartenza.

Ritorno alla normalità. A 15 giorni dall’alluvione. Bellinzago volta pagina

Ritorno alla normalità. A 15 giorni dall’alluvione. Bellinzago volta pagina

Due settimane fa l’acqua, il fango e la paura. L’emergenza non è finita, "ma ora è il momento di fare festa". Torna la Sagra del latte, nella Bellinzago messa in ginocchio dall’alluvione vince la voglia di stare insieme.

L’organizzazione ha richiesto uno sprint da primatisti dei volontari della pro loco: "Ma ce l’abbiamo fatta: il paese aveva bisogno di allegria". Il prequel ieri sera: salamelle e musica dal vivo al parco Belgiojoso. Oggi la giornata clou, fra il parco e l’asse storico di via Croce: bancarelle ed enogastronomia, hobbistica, mercato agricolo, mostre ed esposizioni, tante iniziative per i bambini e per le famiglie, fra cui la tradizionale biciclettata Pedalatte. La festa era in calendario per domenica scorsa. Ovviamente, era stato rinvio. Troppo fresco il disastro, troppe famiglie ancora impegnate in pulizie e sgomberi, "e sino a pochi giorni prima - spiega il presidente della pro loco di Bellinzago Luciano Ferrari - eravamo impegnati in altra attività, principalmente nella preparazione dei pasti e nel ristoro dei volontari e delle forze dell’ordine impegnati qui in paese. Mancavano i tempi. Poi ci siamo rimboccati le maniche: ed eccoci qua". La formula: "Qualche modifica logistica. Negli anni scorsi si svolgeva tutto al parco di via Lombardia. Quest’anno abbiamo scelto di valorizzare anche una zona del vecchio nucleo, quello di via Croce, fra strada e vecchi cortili, dove sono collocate le esposizioni". Iniziative ed eventi durano sino a stasera, e sino a stasera si potrà mangiare e ascoltare musica al parco. Una festa che sa di ripartenza, e anche di ringraziamento. Gli stessi ringraziamenti che, solo pochi giorni fa, il sindaco Michele Avola ha voluto ufficializzare dalla sua pagina. Un lungo elenco di chi, nei giorni del disastro, non ha risparmiato energie e fatica.

"Grazie a tutti. Ci avete messo cuore, anima e fatica. E ci siamo riusciti. Ora dobbiamo ricostruire. Dobbiamo ripartire. Non sarà facile, ma ce la faremo. Sono orgoglioso di essere sindaco di una comunità così, che si è rimboccata le maniche fin da subito per aiutare chi ha subito questa catastrofe". Due giorni di festa, e poi ancora gestione del post emergenza. Una riunione tecnica di prevenzione nuove alluvioni si è tenuta in Regione a metà della scorsa settimana, si attendono notizie sui risarcimenti, chiesti ufficialmente nei giorni immediatamente successivi l’alluvione.