Milano, 17 ottobre 2019 - Il grado zero dell’igiene alimentare. Alcuni rider hanno la cattiva abitudine di legare alle bici, alle rastrelliere e ai pali della luce i loro zaini termici e lì parcheggiarli per ore, anche tutta la notte. Sono contenitori che dovrebbero essere di pulizia specchiata perché trasportano del cibo, quello che i milanesi ordinano ogni giorno comodamente attraverso le app, facendoselo arrivare a domicilio. Succede però che alcuni “cubotti” per pizza e sushi sono lasciati alla mercé della sporcizia e della pioggia. E pure di peggio: molti di questi zaini vengono abbandonati a terra. Dove i cani (e purtroppo non solo loro) sono soliti fare i loro bisogni. Diventando così - si presume - l’ambiente ideale per batteri, virus e funghi. Facendo un giro fra Stazione Centrale, Porta Genova e Porta Romana, abbiamo contato, in una perlustrazione breve di un pomeriggio, quasi una ventina di questi zaini, soprattutto quelli con la livrea gialla di Glovo.

La zona dove il fenomeno è più concentrato è la Centrale, vero e proprio hub per centinaia di corrieri stranieri in forza alla gig economy. Piazza Duca d’Aosta è puntellata per tutto il suo perimetro da parallelepipedi gialli. Nei pressi del McDonald’s, due zaini legati con una pesante catena a un palo. Poco meno di una decina si avvistano lungo le rastrelliere della piazza, vicino all’ingresso della stazione: un paio sono pure aperti. E un altro, all’angolo con via Napo Torriani, è sul marciapiede ed è lì da settimane, verosimilmente abbandonato: la bici a cui è legato è stata anche cannibalizzata. La situazione si replica, pur meno vistosa, a Porta Genova, un altro punto di incontro per i fattorini che lavorano a Milano ma utilizzano i treni Milano-Mortara per tornare a casa in Lomellina. Su quattro zaini, tre giacciono sull’asfalto.

Succede che vengano lasciati lì anche durante la notte. A Porta Romana, nei pressi di un altro McDonald’s a terra un altro zaino di Uber Eats: ma è solo per breve pit stop. Il corriere lo lascia sul marciapiede per recuperare la consegna. L’idea che si fa è che ci sia un’anarchia di comportamenti che stride con le numerose norme a cui sono assoggettati gli esercizi alimentari.