MONICA GUERCI
Cronaca

Rho, morto a 35 anni con l’auto nell’Olona. I soccorsi erano arrivati subito ma poi si erano allontanati

Dalla vettura era partito un Sos automatico alla centrale operativa. Forse complice il buio, gli operatori non hanno visto nulla e sono rientrati in sede. Il corpo della vittima era nell’abitacolo ed è stato recuperato solo la mattina dopo

L'auto ribaltata nell'Olona

L'auto ribaltata nell'Olona

Rho (Milano) – Un uomo di 35 anni è morto in un incidente stradale la scorsa notte, la sua auto prima è andata a sbattere contro un new jersey in cemento, poi si è cappottata nel canale scolmatore dell’Olona, nel tratto di via Ghisolfa a Rho. Classe 1987 di Novara, l’uomo per cause ancora tutte da accertare, ha perso il controllo dell’Bmw X5 su cui viaggiava ed è finito in acqua. In quel momento subito potrebbe essere partito l’Sos della vettura al 118, si tratta di uno di quei sistemi di allarme installati con le scatole nere delle assicurazioni che partono autonomamente quando vi è un impatto dell’auto contro un ostacolo.

Dalla centrale operativa, ricevuto il messaggio automatico di incidente poco prima della mezzanotte, alle 23.48 di giovedì 27 luglio, è partita l’ambulanza che si è recata sul posto ma, forse complice il buio della notte, i soccorritori dopo aver cercato non hanno trovato nessuno e sono rientrati in sede, la richiesta di soccorso in questi casi viene archiviata come una chiamata a vuoto.

L’auto è così rimasta in acqua tutta la notte senza che nessuno si accorgesse di nulla, la zona è isolata e buia. Il ritrovamento del cadavere dell’uomo, dentro alla Bmw accartocciata, è avvenuto solo la mattina dopo: ieri intorno a mezzogiorno, un runner che stava passando in via Ghisolfa lungo la sponda dell’Olona ha visto la vettura ribaltata e ha dato l’allarme. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, i carabinieri di Rho e il personale del soccorso ma per l’autista non c’era più nulla da fare. Le operazioni di recupero dell’auto sono state complesse e il tratto di strada è rimasto chiuso al traffico per alcune ore. Sarà l’autopsia a stabilire le cause della morte del 35enne, forse deceduto sul colpo a causa del violento impatto, forse annegato nei 20 centimetri d’acqua che scorrono nel canale in questi giorni.