Milano - Il raid in metropolitana. La denuncia della vittima. E la caccia durata per tutto il pomeriggio. Alla fine, gli agenti di polizia sono riusciti a individuare e fermare il diciottenne algerino e il ventiseienne marocchino che qualche ora prima avevano tentato di rapinare il cellulare a una ventisettenne peruviana alla fermata Duomo del metrò, colpendola con un pugno al braccio e minacciandola con un paio di forbici.

Le indagini sono iniziate nella tarda mattinata di ieri, attorno alle 12.30, quando la donna si è presentata negli uffici Polmetro in Duomo: in forte stato di agitazione, ha riferito di essere stata appena aggredita da due persone mentre si trovava sulla rampa di scale che dal mezzanino della metropolitana porta in piazza Duomo. I poliziotti hanno visionato le immagini delle telecamere di sorveglianza e hanno subito avviato le ricerche per rintracciare i due balordi. Il primo, il diciottenne, è stato bloccato alla fermata Centrale della linea gialla alle 14.30: stava discutendo con gli addetti Atm perché sprovvisto di biglietto. Il secondo è stato intercettato due ore dopo in piazza Duca d'Aosta e ammanettato. Il diciottenne è stato pure denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato per aver danneggiato la Volante che lo stava trasportando in Questura.