Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
25 mag 2022

Dirigente medico col doppio lavoro. Saverio Chiaravalle adesso deve risarcire 400mila euro

Chiaravalle, oggi a capo del pronto soccorso del San Donato, ha violato l’esclusiva in due Asst varesine

25 mag 2022
nicola palma
Cronaca
featured image
Saverio Chiaravalle
featured image
Saverio Chiaravalle

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano Per cinque anni , tra il 2014 e il 2019, ha violato il contratto di esclusiva sottoscritto prima con l’Asst Valle Olona e poi con l’Asst Sette Laghi, svolgendo attività professionale retribuita per un giorno a settimana al Centro di ricerca europeo di Ispra. In quel periodo, avrebbe quindi incassato illegittimamente sia i soldi per le prestazioni extra moenia sia il surplus di stipendio pubblico garantito dalla scelta di non lavorare per altri. Il totale è stato calcolato al centesimo dalla Guardia di Finanza: 407.116,62 euro. Denaro che, al netto dei 1.742,94 euro percepiti per la libera professione intramuraria, il primario di Chirurgia d’urgenza Saverio Chiaravalle, varesino classe ’58 oggi responsabile del Pronto soccorso del Policlinico San Donato, dovrà interamente ridare alle Asst Valle Olona (162.244,85 euro) e Sette Laghi (243.128,83 euro). La storia inizia il 14 giugno di tre anni fa, quando i responsabili dell’azienda socio sanitaria territoriale del Varesotto si rivolgono alla Procura della Corte dei Conti della Lombardia per informarla del possibile danno erariale provocato dal dottor Chiaravalle, nel frattempo finito nel mirino di un’inchiesta delle Fiamme Gialle. Gli accertamenti investigativi ricostruiscono che dal primo gennaio 2014 al 31 maggio 2019, ogni martedì, il primario di Pronto soccorso (prima a Tradate e poi a Varese) ha svolto attività ambulatoriale nel Centro di Ispra, senza alcuna autorizzazione da parte delle Asst di riferimento. Sotto i riflettori ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?