Sangue alla scuola Afol di Pieve Emanuele: studente di 16 anni accoltellato all’uscita

L’aggressore è un 18enne, arrestato per lesioni personali aggravate. All’origine del gesto futili motivi: gli screzi sono nati via social

Il luogo dove è stato ferito il ragazzino
Il luogo dove è stato ferito il ragazzino

Pieve Emanuele (Milano) – Ancora un’aggressione finita nel sangue in una scuola lombarda. È successo oggi, 6 febbraio, a Pieve Emanuele: un ragazzino di 16 anni è stato accoltellato alla gamba all’uscita da scuola, il centro professionale Afol Metropolitana per cuochi e pasticceri di via Gigli 7.

L’aggressione

L’aggressore è un giovane di 18 anni di Rozzano, non appartenente alla scuola, che avrebbe aspettato la vittima, residente a Vernate, fuori dall’istituto forse per una sorta di resa dei conti. La lite è degenerata e il 18enne ha colpito il più giovane con un coltello da cucina. Il motivo sarebbe da ricondurre a tensioni per una ragazza.  Il ferito, che frequenta il corso di cucina, ha perso molto sangue tanto che, secondo i racconti di chi l’ha soccorso per primo, era molto pallido. 

I soccorsi

I suoi compagni hanno allertato la polizia locale, il cui comando si trova nello stesso complesso, mentre i professori hanno allertato i soccorsi. Tutti erano sotto choc. Sono intervenuti i soccorritori con l’automedica e l’ambulanza. Il 16enne è stato portato in codice rosso in ospedale. Sul posto anche i carabinieri. 

L’aggressore 

L’aggressore, un 18enne, che dopo la coltellata era scappato, è stato subito individuato grazie alle immagini delle telecamere del comando di polizia locale. È stato preso in consegna dai carabinieri mentre stava andando verso casa: ai carabinieri ha detto di aver gettato via il coltello lungo la strada, nella spazzatura e poco fa l'arma è stata trovata e sequestrata. È stato arrestato per lesioni personali aggravate e verrà trasferito nel carcere di San Vittore a Milano. 

Sembra che il giovane sia arrivato fuori da scuola accompagnato da alcuni amici. Da una prima ricostruzione dei carabinieri tra i due, che si conoscevano, nei giorni scorsi, ci sarebbero stati altri screzi via social, forse per una ragazza, forse per antipatie personali. 

Le condizioni del ferito

Il 16enne ferito è grave, ma non in pericolo di vita. La coltellata non ha provocato danni a punti vitali e nonostante abbia perso molto sangue potrebbe essere dimesso in settimana. Per ora resta in osservazione all'Humanitas di Rozzano per le lesioni riportate ad una coscia, mentre il coltello utilizzato per l'aggressione è stato recuperato e sottoposto a sequestro.

I precedenti

L’episodio segue di 24 ore l’altro drammatico episodio, quello di Varese dove uno studente di 17 anni ha colpito con tre fendenti una professoressa, Sara Campiglio di 57 anni. Nel Sud Milano si tratta del secondo episodio in meno di un mese. Il 12 gennaio una lite avvenuta a San Donato Milanese tra due sedicenni da poco usciti da scuola, via Parri 12, era finita anche lì a coltellate.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro