Pandoro Balocco, ai Ferragnez non verrà revocato l’Ambrogino d’oro: “Aspettiamo l’esito dell’inchiesta”

Milano, il Consiglio comunale boccia l’ordine del giorno che chiedeva di ritirare l’onorificenza a Chiara Ferragni e Fedez. Il sindaco: “Prima si pronunci la magistratura”

Il pandoro Balocco firmato da Chiara Ferragni al centro dell'inchiesta sulla falsa beneficenza. A destra, Chiara Ferragni (36 anni) e Fedez (34)
Il pandoro Balocco firmato da Chiara Ferragni al centro dell'inchiesta sulla falsa beneficenza. A destra, Chiara Ferragni (36 anni) e Fedez (34)

Milano – L’Ambrogino d’oro ai Ferragnez non verrà revocato anche dopo la vicenda, le indagini e le polemiche sulla falsa beneficenza dei pandori Balocco e le uova di Pasqua. Il Consiglio comunale di Milano ha infatti bocciato, con 21 voti contrari, 8 favorevoli e due astenuti, l'ordine del giorno presentato da Fratelli d'Italia che chiedeva di revocare alla coppia la massima onorificenza cittadina ricevuta da Chiara Ferragni e il marito Fedez nel 2020.

L’Ambriogino era stato assegnato alla coppia per il loro impegno durante il Covid, quando avevano promosso una raccolta fondi per realizzare una terapia intensiva all'ospedale San Raffaele.

A dare parere negativo in aula al provvedimento, poi bocciato, è stato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. "Nessuno di noi sa quello che è successo veramente alla pizzaiola del Lodigiano ma dobbiamo abituarci tutti a far sì che la magistratura faccia il suo corso – ha riflettuto Sala in riferimento alla gogna mediatica – Chiara Ferragni, per quello che la conosciamo ha una solidità tale da poter reagire anche a qualcosa che le si scaraventa addosso, ma non lo sappiamo. Quindi credo che attendere che la magistratura faccia il suo corso in modo compiuto sia utile”.

E sull'assegnazione degli Ambrogini il sindaco ha ribadito l'invito all'aula a ripensare il regolamento per identificare con chiarezza i casi che possono portare alla revoca dell’onorificenza. “Sono contrario alla revoca a Ferragni e Fedez spero che anche questo caso dia l'impulso a una riflessione sugli Ambrogini che sono una cosa importante per la città - ha concluso Sala – Le onorificenze dovrebbero essere assegnate a persone che si distinguono veramente e che non hanno diritto ad altri riconoscimenti. Mentre spesso lo diamo a persone che dalla città hanno già molto”.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro