Quotidiano Nazionale logo
25 nov 2021

Monopattini elettrici, il Comune rimuove i mezzi condivisi: i gestori insorgono

La decisione dell'amministrazione dopo l'entrata in vigore delle nuove norme del codice della strada

MILANO 09 12 2019 -   MONOPATTINI  IN CIRCOLAZIONE  - FOTO MARMORINO-NEWPRESS
Monopattini a Milano

Milano, 25 novembre 2021 - A metà novembre sono entrate in vigore le nuove norme da rispettare per chi guida i monopattini elettrici. Fra le novità l'obbligo di frecce e il divieto di parcheggiare sui marciapiedi mentre vengono ribadite alcune regole come l'obbligo di casco per i minori e la possibilità di usarli solo per chi ha più di 14 anni.

Per adeguare i monopattini alle nuove disposizioni (ad esempio installare le frecce ai modelli già venduti che non le anno) c'è tempo fino al 2024. Ma il Comune di Milano, stando a quanto riferito da Assosharing ha già cominciato a "rimuovere i monopattini.

"Creano sconcerto le attività di rimozione dei mezzi di micromobilità avviate a Milano lunedì da parte dell'amministrazione comunale, soprattutto perché iniziate senza alcun confronto con gli operatori. Una mancanza che ci amareggia doppiamente, poiché avevamo chiesto ripetutamente un incontro per attivare un dialogo, in particolare all'Assessorato della Mobilità diretto da Arianna Censi. Occorre ricordare che la legge di conversione del Decreto Infrastrutture infatti prevede che i comuni estendano il parcheggio agli stalli riservati a velocipedi, ciclomotori e motoveicoli. In quest'ottica il confronto per affrontare tutte le questioni legate ai servizi innovativi deve rappresentare la via maestra per individuare e attuare soluzioni che siano condivise tra pubblico e privato. E' questa la ricetta ideale per costruire città sempre più sostenibili. Non a caso sono temi che hanno rappresentato l'oggetto principale della 5° Conferenza Nazionale sulla Sharing Mobility, organizzata dall’Osservatorio Nazionale sulla Sharing Mobility e terminata ieri. Un appuntamento che ha mostrato come proprio Milano sia prima in Italia in tutti e tre gli indicatori (percorrenza, numero veicoli, noleggi) legati alle varie tipologie di mobilità. E' da questi elementi che occorre partire per definire politiche efficaci e condivise tra istituzioni estakeholders",  riferisce, in una nota, Assosharing

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?