Quotidiano Nazionale logo
18 gen 2022

Milano innovativa senza cancellare la sua identità

luigi
Cronaca

Luigi Corbani* Modernità: "Una parola affascinante e ambigua al tempo stesso, che, mentre allude all’adesione collettiva al gusto e allo spirito contemporaneo, non riesce a eludere un retrogusto effimero, legato al concetto di “moda” di stretta attualità", scrive Fulvio Irace nella prefazione ad un bel libro “Milano Moderna: architettura, arte, città 1947-2021”. "L’identità di Milano dal punto di vista architettonico è stata caratterizzata in ogni tempo da novità, audacia, ottimismo, standard altissimo. Ma l’esplosione urbanistica degli ultimi anni è diversa, frutto di una visione globalizzata. I format più recenti arrivati dall’estero solo in alcuni casi nascono da una ricerca e da un pensiero su questa specifica città, e allora sono interventi positivi. In altri casi, invece, fanno notizia, ma rappresentano corpi estranei, marziani sbarcati nel tessuto urbano", dichiara Irace in una intervista. Troppo spesso impera una visione per cui il “nuovo” o il “moderno” sono di per sé belli, mentre l’antico, se non è tanto antico, è di per sé da buttare perché sa di vecchio e brutto. Che senso ha demolire, per esempio, un’opera architettonica e ingegneristica all’avanguardia, come il secondo anello dello stadio di San Siro, che integra il primo anello, con le sue rampe innovative? E non sono forse dei capolavori, anche se non hanno ancora i settant’anni previsti per la tutela, il grattacielo Pirelli, con la sua forma aerodinamica o la Torre Velasca "manifesto di un modello alternativo di intendere l’eredità del moderno e di affermare il rapporto con le “preesistenze ambientali", come scrive Ilaria Valente. Milano oggi "è opera soprattutto di architetti internazionali che vi hanno importato – non sempre appropriatamente e ciascuno con gradi variabili di impegno – i segni del globalismo, e nei casi più discutibili, dell’omologazione. È esattamente il piano di confronto su cui questo libro sollecita i suoi lettori a interrogarsi e discutere ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?