Marta Cartabia (Ansa)
Marta Cartabia (Ansa)

Milano, 11 dicembre 2019 - La milanese Marta Cartabia è il nuovo presidente della Corte Costituzionale, eletta dai giudici riuniti al palazzo della Consulta all'unanimità, con 14 voti a favore e la sua scheda bianca. E' la prima donna a ricoprire questa carica. Giurista, 56 anni - originaria di San Giorgio su Legnano - è sposata, con tre figli. Docente di Diritto Costituzionale dal 2008 all'Università Bicocca di Milano, ha assunto sin dall'inizio della sua carriera accademica uno spiccato profilo internazionale. Ha insegnato e fatto attività di ricerca in diversi atenei in Italia e all'estero, anche negli Stati Uniti. E, come esperto, ha fatto parte di organismi europei, come l'Agenzia dei diritti fondamentali della Ue di Vienna. "Avverto che questo passaggio ha un impatto significativo nella storia delle istituzioni -  ha detto la neo presidente della Corte Costituzinale-. Le donne nella magistratura sono la maggioranza ma non lo sono nelle giurisdizioni superiori e ai vertici delle stesse. Sento la reponsabilità dell'incarico ma avverto anche l'onore di essere qui e di essere motivo di ispirazione per altre, sperando alla prossima elezione di poter commentare, come ha fatto la neo premier finlandese: 'l'età e il sesso non contano'". 

"Spero che sesso ed età non contino più"

"Persona competente, elezione che abbatte steccati"

Alla giurista milanese sono arrivati i complimenti e gli auguri dei rappresentanti delle istituzioni di Milano e della Lombardia. ''Complimenti a Marta Cartabia prima donna Presidente della Corte Costituzionale, eletta oggi all'unanimità - ha detto il sindaco Beppe Sala  In bocca al lupo per un complesso lavoro che sicuramente svolgerà con competenza ed imparzialità. E' nata in provincia, per così dire una milanese, quindi per noi è importante. Conoscendo bene Cartabia credo che in fretta cercherà di fare cose buone ed è giusto e sono contento che sia una donna". Per il governatore della Lombardia Attilio Fontana, la nomina di Cartabia alla guida della Corte costituzionale "abbatte un po' di steccati". "È una grande soddisfazione, è una persona che conosco e stimo molto, lombarda, per cui è un motivo di doppia soddisfazione - ha commentato Fontana, a margine del seminario internazionale del Cio su Milano-Cortina 2026 -. È la prima donna alla presidenza della Corte costituzionale, direi bene perché si iniziano ad abbattere un po' di quegli steccati che non dovrebbero esistere ma che purtroppo esistono. Credo che la sua nomina abbia un valore simbolico anche in questo senso. È una persona di grandissima qualità quindi farà un ottimo lavoro"

Chi è Marta Cartabia

Allieva di Valerio Onida, Cartabia si laurea con lui (che poi diventerà presidente della Corte costituzionale) nel 1987, all'Università degli studi di Milano, discutendo una tesi sul diritto costituzionale europeo. Alla Corte costituzionale arriva nel 2011: è la terza donna dopo Fernanda Contri e Maria Rita Saulle ed è una dei giudici costituzionali più giovani della storia della Consulta. A volerla, a soli 48 anni, è il Presidente della Repubblica Giorgio Marta CartabiaNapolitano. Di lei ha grande stima anche l'attuale capo dello Stato. Alla Consulta è relatrice di importanti sentenze.

Ha sempre conciliato le grandi responsabilità che le sono state attribuite con la famiglia: "Penso che questo duplice aspetto della mia vita mi aiuti a mantenere un pizzico di equilibrio", ha detto in una recente intervista. Ed è riuscita a trovare spazio anche per i suoi tanti hobby. Le piacciono tutte le attività all'aperto, jogging e trekking in testa. E ha Sergio Mattarella e Marta Cartabia (Imagoeconomica)una grande passione per la musica. Non solo quella classica, che l'ha resa un'habitué delle prime della Scala. Ma anche quella rock: quando corre con le cuffie nelle orecchie, la carica gliela danno i Beatles e i Metallica