Marco Cappato colpito da ischemia a Capodanno: “Roba seria, ma non grave. Mi dovrò operare al cuore”

Il paladino dei diritti, famoso per i suoi viaggi in Svizzera al fianco di chi sceglie di ricorrere al suicidio assistito, ha raccontato in un post Instagram il malore che l’ha colpito il 31 dicembre

Marco Cappato e l'ospedale di Aosta in cui ha passato il Capodanno

Marco Cappato e l'ospedale di Aosta in cui ha passato il Capodanno

La fine del 2023 di Marco Cappato non è stato esattamente da "sogno". Il paladino dei diritti prima della notte di San Silvestro è stato colpito da un'ischemia che l'ha costretto al ricovero. Ed è stato proprio Cappato con un lungo post sul suo profilo Instagram a raccontare quanto accaduto negli ultimi giorni: "Ecco dove ho passato il Capodanno: al Pronto Soccorso dell’ospedale U. Parini di Aosta!", attacca il tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni, accompagnando alle sue parole una foto della struttura ospedaliera.

Poi i dettagli sul malanno che l'ha colpito alla vigilia del 2024. "Sono stato dimesso oggi, 4 gennaio, dopo essere stato ricoverato 'in seguito a un problema di origine cardiaca che ha prodotto uno screzio ischemico neurologico nella funzione della sola articolazione della parola, attualmente in netto miglioramento'. Una problematica, definita dallo stesso paladino dei diritti "roba seria, ma non grave", ma che richiederà comunque "Una piccola operazione al cuore, che farò tra qualche settimana" per "tornare come nuovo". Poi un pensiero per lo staff del Parini: "Voglio ringraziare tutto il personale medico, infermieristico e con ogni altra mansione per la competenza e l’umanità dimostrata, che mi hanno permesso di trascorrere con la migliore serenità possibile questi quattro giorni all’ospedale Parini di Aosta. Un abbraccio grande!". Poi, in chiusura, un accenno scherzoso ai suoi frequenti viaggi in Svizzera per accompagnare chi sceglie di ricorrere al suicidio assistito: "Ps: Sono ammesse anche battute sulla Svizzera, a patto di non credersi originali ;-)"