Malore fatale. Oggi l’addio a Giada Pollara

Malore fatale. Oggi l’addio a Giada Pollara
Malore fatale. Oggi l’addio a Giada Pollara

La camera ardente nella cappelletta dell’oratorio, il viavai mesto di amici, familiari, compagni con lo strazio nel cuore. Oggi, alle 15, in San Giovanni a Busnago, l’ultimo saluto a Giada Pollara (nella foto), la 14enne brianzola morta dopo un arresto cardiaco durante l’ora di ginnastica a scuola. Una tragedia che ha lasciato tutti senza fiato anche a Inzago dove la ragazza frequentava il Bellisario. Per mamma Diana e papà Alessandro un dolore senza fine. Il malore, mercoledì della scorsa settimana. L’adolescente si è accasciata a terra sotto gli occhi impietriti dei compagni e dell’insegnante. Le manovre di soccorso sono state immediate, il personale è formato, e la polizia locale, che ha ricostruito l’episodio, ha constatato la rapidità dell’intervento, al quale è seguito quello dei medici del 118. Il defibrillatore e l’adrenalina avevano fatto ripartire il cuore della ragazza e permesso il trasporto in elisoccorso al Papa Giovanni di Bergamo finito con un ricovero in Rianimazione in condizioni critiche. Dopo cinque giorni di coma è stata dichiarata la morte cerebrale e, infine, lunedì pomeriggio alle 15.15, anche quella clinica. L’adolescente che si era trasferita da poco in provincia di Monza frequentava il gruppo giovanile della parrocchia e tutti si erano affezionati a lei. "È il nostro angelo", dice il decano don Eugenio Boriotti. "Solo qualche giorno prima dell’episodio Giada era a catechismo" e sembrava andasse tutto bene. Al Bellisario pensano già di intitolare alla studentessa un’iniziativa speciale che la leghi per sempre all’istituto. Quel banco vuoto è una ferita aperta.

Barbara Calderola

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro