Madre e tre figli intossicati a casa

Famiglia di 4 persone intossicata da monossido di carbonio a Sesto San Giovanni: i vigili del fuoco hanno constatato il cattivo funzionamento dell'impianto di riscaldamento. Tutti ricoverati in ospedale, trattamento nella camera iperbarica. Impianto sequestrato da Ats.

Madre e tre figli intossicati a casa
Madre e tre figli intossicati a casa

Il sistema di riscaldamento funzionava male e ha iniziato a sprigionare del monossido di carbonio mandando un’intera famiglia in ospedale. Poteva finire molto peggio per quattro persone che abitano in un appartamento di via Pirandello 20. Domenica sera i vigili del fuoco del distaccamento di Sesto San Giovanni sono intervenuti a seguito di un’intossicazione che ha riguardato tutte le persone che si trovavano nell’alloggio al primo piano della palazzina del quartiere Baraggia. La madre e i tre figli sono stati soccorsi dal personale sanitario e poi sono stati tutti trasportati all’ospedale Niguarda in codice giallo. Dopo il passaggio in pronto soccorso, i medici hanno deciso il ricovero per tutti i quattro membri della famiglia. Sia per la donna che per i figli, infatti, si è reso necessario il trattamento nella camera iperbarica, per limitare i danni causati dal gas tossico, che riduce la capacità del sangue di trasportare ossigeno. I pompieri, che sono intervenuti nello stabile di via Pirandello, hanno effettuato delle verifiche per capire da dove si fosse sprigionato il monossido di carbonio, che può essere causato da sistemi di riscaldamento presenti all’interno delle abitazioni (caldaie, stufe, caminetti). Il personale intervenuto, dopo le rilevazioni, ha constatato infatti il cattivo funzionamento dell’impianto che ha prodotto il gas tossico. Sul posto, oltre al nucleo Nbcr (Nucleare, biologico, chimico, radiologico) dei vigili del fuoco, sono arrivati gli addetti di Ats che hanno sequestrato l’impianto.La.La.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro