L’ironia di Wondy inno alla resilienza

Migration

Ultimi giorni per visitare la mostra fotografica, aperta fino a mercoledì, dedicata alla vita di Francesca “Wondy“ Del Rosso (nella foto), giornalista e scrittrice, che per sei anni ha affrontato e raccontato, col sorriso e l’ironia, il tumore che l’aveva colpita e che se l’è portata via, nel 2016, a soli 42 anni. Nella sala Mario Tapia Radic, in piazza Vittoria, l’esposizione è aperta dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18. La mostra è un omaggio alla positività di questa donna e ne ripercorre, in 16 tavole, la storia, dalla scoperta di “due sassolini“ nel seno destro fino alla resilienza con cui ha affrontato la malattia, che purtroppo non è riuscita a sconfiggere. Le immagini raccontano i viaggi di Francesca, quelli reali, e il viaggio che la malattia ha compiuto dentro di lei.

Un percorso scandito non solo dal coraggio, ma anche dal grande amore per i due figli e il marito, il giornalista Alessandro Milan, che attraverso l’associazione “Wondy Sono Io“, di cui è presidente, cerca di preservare il ricordo della moglie e diffonderne il messaggio. Milan era presente all’inaugurazione della tappa sangiulianese. "Riteniamo importante creare occasioni, affinché la cultura della resilienza trovi sempre più ampia diffusione", ha detto l’assessore alla cultura Nicole Marnini. L’esposizione, itinerante, è già stata ospitata in oltre 30 località. Alessandra Zanardi

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro