Liliana Segre
Liliana Segre

Milano, 7 novembre 2019 -  Da oggi due carabinieri veglieranno giorno e notte sulla sicurezza della senatrice a vita Liliana Segre. La misura di protezione è stata ratificata ieri mattina nel corso del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto a Palazzo Diotti dal prefetto di Milano Renato Saccone. Il provvedimento di «tutela», il livello più blando di scorta con un’auto e due uomini delle forze dell’ordine costantemente a disposizione, è legato in particolare a due aspetti delicati e di stretta attualità.

La prima questione riguarda l’escalation di commenti offensivi e insulti sui social network contro la ottantanovenne sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti e diventata negli anni testimone attiva della Shoah italiana; una preoccupante deriva che ha richiamato anche l’attenzione del capo del pool Antiterrorismo della Procura Alberto Nobili, che nel 2018 ha aperto un fascicolo a carico di ignoti per indagare sul fenomeno e cercare di risalire agli autori dei post razzisti e anti-semiti, che spesso si nascondono dietro nickname inventati per sfuggire alle indagini.

«Perdono il loro tempo, è molto prezioso, non si torna mai indietro neanche di un attimo. Questi lo sprecano, il mio consiglio è di non sprecarlo – la risposta di Segre agli haters del web –. Ogni minuto va goduto e sofferto, bisogna studiare, vedere le cose belle che abbiamo intorno, combattere quelle brutte, ma perdere tempo a scrivere a una novantenne augurandole la morte... tanto c’è già la natura che ci pensa...». A proposito di haters, una settimana fa Palazzo Madama, proprio su input della senatrice (prima firmataria della mozione della maggioranza), ha dato il via libera alla creazione di una commissione straordinaria per combattere razzismo, antisemitismo e ogni forma di istigazione all’odio; nell’occasione, i parlamentari di Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega si sono astenuti e sono rimasti seduti quando l’Aula ha tributato una standing ovation alla senatrice. «Speravo che sull’odio il Senato avrebbe trovato una sintonia generale», l’amaro commento di Segre.

La seconda motivazione alla base del provvedimento di protezione è relativa all’intensificazione degli impegni pubblici della donna nominata nel 2018 senatrice a vita dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella «per aver illustrato la Patria con altissimi meriti nel campo sociale». Basti dire che soltanto due giorni fa, prima di un incontro organizzato dal Municipio 6 con circa 500 studenti sui temi della Memoria e dei diritti, è comparso uno striscione con la scritta «Sala ordina, l’Antifa agisce, il popolo subisce» firmato dal partito di estrema destra Forza Nuova. Come sempre accade in questi casi, la decisione di assegnare due carabinieri al compito di proteggere Liliana Segre è passata dall’Ufficio centrale interforze per la sicurezza personale (Ucis), la struttura del Dipartimento della pubblica sicurezza che si occupa della tutela e della protezione delle persone esposte a particolari situazioni di rischio.  La legge prevede diversi livelli di protezione, a seconda dei rischi e delle minacce a cui è esposta la personalità: si va dalla vigilanza dinamica al presidio fisso dell’abitazione, fino alla scorta mobile con quattro livelli previsti; nel caso di Segre, è stato scelto il IV livello, che prevede un’auto e due carabinieri.