L’arcivescovo e i banchieri. Dibattito a Palazzo Marinosul futuro della metropoli

Iniziativa in Consiglio il 25 settembre su proposta della presidente Buscemi. Tra i relatori in aula i numeri uno di Intesa Sanpaolo, Bper, Unicredit e Bpm.

L’arcivescovo e i banchieri. Dibattito a Palazzo Marinosul futuro della metropoli

L’arcivescovo e i banchieri. Dibattito a Palazzo Marinosul futuro della metropoli

L’arcivescovo e i banchieri. In Consiglio comunale. Per parlare del futuro di Milano, della crescita della città da coniugare con la solidarietà. L’appuntamento è stato fortemente voluto dalla presidente dell’assemblea di Palazzo Marino, Elena Buscemi, e si svolgerà il prossimo 25 settembre. "Questo appuntamento – scrive Buscemi in una lettera indirizzata ai consiglieri – nasce dalla volontà di riprendere il dibattito promosso dall’arcivescovo Mario Delpini nel 2019 presso la Biblioteca Ambrosiana, invitando a intervenire i medesimi istituti bancari che in quella occasione presero parte con relazioni dei loro presidenti. La convinzione è che tutto il sistema bancario abbia un ruolo importante di sostegno dei processi di crescita economica solidale che sono fondamentali per una metropoli europea complessa, vitale ma anche inevitabilmente con contraddizioni e disuguaglianze".

La seduta straordinaria del Consiglio comunale sarà introdotta proprio da un intervento della Buscemi, seguito dal saluto del sindaco Giuseppe Sala. A coordinare gli interventi, subito dopo, sarà la professoressa Elena Beccalli, preside della Facoltà di Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative dell’Università Cattolica di Milano. Sarà lei a dare la parola e a sollecitare le riflessioni dei presidenti dei principali istituti di credito nazionali: Augusto Dell’Erba (Federcasse), Gian Maria Gros Pietro (Banca Intesa Sanpaolo), Flavia Mazzarella (Bper Banca), Pietro Carlo Padoan (Unicredit) e Massimo Tononi (Banco Bpm). Ascoltate le relazioni dei banchieri, sarà il momento del dibattito politico in aula con le considerazioni dei gruppi consiliari. È previsto un intervento a gruppo della durata massima di cinque minuti. Concluderà la seduta l’arcivescovo Delpini.

Qual è l’obiettivo finale del confronto? "Il dialogo è incentrato sul ruolo di queste banche e su quello che già fanno e potranno ancora fare per le famiglie e le piccole imprese – spiega Buscemi –. Ma parleranno anche dei cambiamenti in atto e delle prospettive future per Milano e per l’Italia. Quella del Comune è un modo per avviare un confronto collettivo su idee e proposte che possano migliorare la vita dei milanesi".

In preparazione dell’iniziativa del 25 settembre, i presidenti della commissione Bilancio e Sviluppo economico, Simonetta D’Amico e Mauro Orso, hanno organizzato una commissione congiunta, in presenza, in Sala Commissioni, lunedì 18 settembre dalle 14.30, aperta a tutti i consiglieri interessati, in cui verrà presentato il rapporto recentemente pubblicato da Banca d’Italia sull’economia lombarda.

Massimiliano Mingoia