Quotidiano Nazionale logo
26 ott 2021

L’amministrazione recupera otto spazi abbandonati

Al bando municipale hanno risposto associazioni, fondazioni e scuole di lingua

Palazzo Marino, la sede del Comune in piazza Scala
Palazzo Marino, la sede del Comune in piazza Scala
Palazzo Marino, la sede del Comune in piazza Scala

Erano beni abbandonati, almeno finora. Ma prestissimo saranno riutilizzati. Sì, perché il Comune ha chiuso un bando per l’assegnazione di spazi da tempo in disuso e le risposte da parte delle associazioni c’è stata. Nel 2020 Palazzo Marino aveva avviato un’indagine esplorativa finalizzata alla raccolta di manifestazioni d’interesse contenenti soluzioni tecnico-gestionali volte alla valorizzazione di 25 immobili facenti parte del patrimonio immobiliare comunale in disuso. E alla fine del 2020 sono state approvate le linee d’indirizzo per la valorizzazione del patrimonio comunale in disuso mediante procedura ad evidenza pubblica.

Una parte di quel bando si è concluso è questi sono i risultati. Riguardano otto spazi abbandonati, che finalmente potranno essere utilizzati ed eviteranno che alcuni immobili comunali siano preda del degrado. Il lotto 1 in via Celio-Paravia 22 è stato assegnato alla Fondazione Terzoluogo Ets; il lotto 2 in via Taverna, 72 alla Fondazione Vidas; il lotto 3 in via Taverna 85 alla Fondazione Paletti Ricci Onlus; il lotto 4 in via Marazzani al The British School of Milan; il lotto 6 in via Graf 29 alla Fondazione Archè; il lotto 7 in via Rizzoli 13A alla Kociss di Ivano e Antonio Samele snc; il lotto 8 in via Bianchi Espinosa 7, Milano all’Associazione All Family; il lotto 9 in via Bianchi Espinosa 7 alla Associazione All Family.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?