Quotidiano Nazionale logo
16 set 2021

La sala operatoria è virtuale Rivoluzione nella medicina

Viaggio fra avatar di organi, malattie in alta definizione e cloni in 3D. Un team Milano-India brevetta il simulatore chirurgico: tempi ridotti del 20%

diandrea gianni
Cronaca

di Andrea Gianni Per entrare nella sala operatoria virtuale basta indossare un casco, e afferrare un joystick. Le mani si muovono nello spazio, afferrano l’avatar del cuore di un paziente di 83 anni, lo ingrandiscono fino a osservare da vicino quelle calcificazioni che indicano problemi di salute. Con un bisturi, sempre virtuale, è possibile sezionare l’organo con un taglio netto, e scoprire l’interno riprodotto fedelmente attraverso la Tac. Basta un clic per inviare i dati a una stampante 3D, e ottenere un “clone“. Le nuove frontiere della medicina si esplorano in via Durando, zona Bovisa, negli spazi dell’incubatore Techinnova dove ha sede la startup RIC3D che ha inventato un simulatore chirurgico "unico al mondo". Un sistema basato su un software e un algoritmo di intelligenza artificiale, brevettato nell’ottobre 2020 dopo due anni e mezzo di lavoro con un team dislocato fra Milano e l’India, dalle molteplici applicazioni: dalla diagnostica alla possibilità di effettuare simulazioni prima di un intervento, dalle esercitazioni per studenti e specializzandi fino alla medicina legale, per le autopsie sui cadaveri. "Il vantaggio è concreto – spiega Clara Bernasco, amministratore delegato della startup – perché questa tecnologia diminuisce i tempi di intervento del 20%, consentendo di ottimizzare le attività e quindi ridurre le attese per i pazienti. Le immagini nella realtà virtuale sono venti volte più precise rispetto a quelle di una tac". Il rendering grafico è di cinque milioni di poligoni al secondo. RIC3D ha stretto accordi con il Policlinico di Monza, che sta sperimentando il sistema, il Cnr di Reggio Calabria e Pisa, l’Università della Svizzera Italiana. Guarda all’estero, attraverso contatti in Russia e negli Emirati Arabi. "Noi abbiamo investito su questa startup circa 300mila euro – racconta Riccardo Roggeri, fondatore e Ceo Techinnova – e i risultati sono stati molto positivi. Le ricerche hanno già portato ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?