Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
9 ott 2021

La musica, la gente: felici di tornare in pista

Via libera alla riapertura "dopo due anni da incubo" con la capienza limitata al 50%. La discoteca Zoo Club era chiusa dal febbraio 2020

9 ott 2021
rosario palazzolo
Cronaca
Al centro Pasquale Napoli titolare della discoteca Zoo Club locale da ballo con 1.200 posti
Al centro Pasquale Napoli titolare della discoteca Zoo Club locale da ballo con 1.200 posti
Al centro Pasquale Napoli titolare della discoteca Zoo Club locale da ballo con 1.200 posti
Al centro Pasquale Napoli titolare della discoteca Zoo Club locale da ballo con 1.200 posti
Al centro Pasquale Napoli titolare della discoteca Zoo Club locale da ballo con 1.200 posti
Al centro Pasquale Napoli titolare della discoteca Zoo Club locale da ballo con 1.200 posti

di Rosario Palazzolo "Una boccata d’ossigeno dopo quasi due anni da incubo". Lo racconta così Pasquale Napoli il definitivo via libera alla riapertura delle discoteche. Lui che nel 2016 aveva investito insieme ad altri quattro soci nel progetto dello Zoo Club, locale da ballo con una capienza da 1200 posti, non ha dubbi sul fatto che sia giunto il tempo di ripartire e che… "anche una capienza limitata al 50% rappresenta un’opportunità da cogliere con ottimismo". La sua sala da ballo è chiusa dal febbraio del 2020, quando la pandemia è calata come la nebbia sui locali d’intrattenimento, lasciando solamente disorientamento e timori per il futuro. "La cosa più difficile da affrontare è stata l’incertezza, i continui rinvii, l’impossibilità di capire se e quando si sarebbe potuto tornare a lavorare - racconta l’imprenditore -. Ci sono stati momenti nei quali qualcuno ha cominciato a ipotizzare che non si sarebbe mai più potuti tornare a ballare. Una esagerazione, certo, ma in un momento di incertezza totale ha sicuramente contribuito a peggiorare le cose". Un vero terremoto, soprattutto per un’azienda che ha stipulato mutui con le banche e che contava sulla continuità per poter mantenere tutti gli impegni. "Basta un dato per capire cosa ci è accaduto - afferma Pasquale -. Nell’anno pre Covid il nostro fatturato era di 1,9 milioni di euro. Dunque possiamo dire tranquillamente che in questo periodo di sosta forzata abbiamo perso almeno 3 milioni di euro di ricavi. Per fortuna le banche ci hanno congelato i mutui e grazie alla cassa integrazione i nostri dipendenti sono riusciti a conservare una parte del reddito. Se devo essere sincero - aggiunge - per lo Zoo Club l’intervento dello stato non è stato altrettanto generoso: abbiamo ricevuto solamente 100mila euro in oltre un anno e mezzo di chiusura". La sua azienda, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?