Quotidiano Nazionale logo
18 gen 2022

La Lega in piazza Scala "Granelli si dimetta"

I lumbard si mobilitano contro l’assessore alla Sicurezza. Ma il sindaco lo difende. Polemica sulle parole di Albiani

I militanti della Lega in piazza Scala per chiedere le dimissioni dell’assessore Granelli
I militanti della Lega in piazza Scala per chiedere le dimissioni dell’assessore Granelli
I militanti della Lega in piazza Scala per chiedere le dimissioni dell’assessore Granelli

"Granelli dimettiti". Prima del Consiglio comunale, la Lega si presenza in piazza Scala con una serie di cartelli per chiedere un passo indietro all’assessore alla Sicurezza Marco Granelli, reo – secondo i lumbard – di aver scritto un post su Facebook a Capodanno in cui ignorava le gravi violenze sessuali in Piazza Duomo. Il sindaco Giuseppe Sala, un’ora e mezza dopo in aula, difenderà Granelli, che resta al suo posto.

In piazza, intanto, il commissario milanese del Carroccio, Stefano Bolognini, ironizza sul tempismo del primo cittadino: "Finalmente il sindaco Sala riferisce in Consiglio comunale sull’emergenza sicurezza, è una vittoria della Lega". Il capogruppo lumbard a Palazzo Marino Alessandro Verri, subito dopo, parla di "Milano vittima di un’escalation di violenza. Servono più dei 500 nuovi vigili urbani promessi dal sindaco, almeno mille in più e anche un maggior numero di agenti delle forze dell’ordine". Verri, inoltre, giudica "inaccettabili le parole del presidente della commissione Sicurezza del Comune Michele Albiani", che ha chiesto il licenziamento del vigile urbano che – per la Polizia locale – è stato aggredito in viale Coni Zugna ed è stato costretto a sparare un colpo in aria per difendersi.

M.Min.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?