"Il tuo cinque per mille per i più fragili". L’appello di cooperative e centri: sosteneteci

Appello alla solidarietà per il quarantennale della Cooperativa Punto d’Incontro di Groppello d’Adda e altri enti che si occupano di persone fragili. Chiedono il cinque per mille per sostenere progetti sociali e la costruzione di Casa Eden, centro per l’autismo a Vaprio d’Adda.

"Il tuo cinque per mille un prezioso regalo per i nostri quarant’anni", appello alla solidarietà dalla Coooperativa Punto d’Incontro di Groppello d’Adda. Ma non è il solo. L’invito a devolvere rimbalza di pagina in pagina firmato da tutte le realtà che, anche in Adda Martesana, si occupano "di chi è più fragile". Fra queste la Punto, la coop Castello, e non ultima, con più ambizioso obiettivo, la Fondazione Bfz, costola della coop groppellese e "titolare" del progetto di Casa Eden, il nuovo centro per l’autismo in costruzione a Vaprio d’Adda. Per la Punto d’Incontro questo è l’anno del quarantennale, "e nei nostri 40 anni di attività sul territorio dell’Adda Martesana abbiamo realizzato per le persone con disabilità tanti servizi e progetti sociali: centri diurni, comunità residenziali, residenze sanitarie, inserimenti lavorativi protetti, progetti di sensibilizzazione. Oggi accogliamo nei nostri servizi circa 300 persone con disabilità e diamo lavoro a circa 250 persone. Il vostro aiuto può far molto per sostenere progetti attuali e futuri". Così Bfz, che aveva già lanciato l’appello per Casa Eden nel corso del convegno inzaghese sull’autismo: "Il progetto è oneroso, i lavori in corso, il vostro aiuto può fare la differenza. Ogni donazione, anche modesta, può cambiare la vita di tante persone con autismo". Ed è tempo di compleanni anche alla trezzese, e storica, coop Castello onlus: "Quest’anno sono 44. Pescando tra le fotografie ci siamo resi conto con orgoglio di quanto è stato fatto nella nostra storia e di quanto ancora rimane da innovare avendo a cura la comunità e in particolare delle persone con disabilità cognitiva per cui la Castello esiste. Se vuoi, sostienici". M.A.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro