Quotidiano Nazionale logo
22 apr 2022

Il tour dei parchi ora si fa a cavallo

Nasce l’ippovia: corridoio ecologico con 5 tappe, dal WWF di Vanzago al Parco Campo dei Fiori di Varese

roberta rampini
Cronaca
Da sinistra Giuseppe Palmieri, Ivan Tassone, Tino Nicolosi, Enzo Pesce, Laura Felisati e Adorno Ponzianelli
Da sinistra Giuseppe Palmieri, Ivan Tassone, Tino Nicolosi, Enzo Pesce, Laura Felisati e Adorno Ponzianelli
Da sinistra Giuseppe Palmieri, Ivan Tassone, Tino Nicolosi, Enzo Pesce, Laura Felisati e Adorno Ponzianelli

di Roberta Rampini

Centoventidue chilometri, cinque tappe, dall’oasi del WWF di Vanzago al Parco regionale Campo dei Fiori di Varese. Un percorso che si snoda attraverso un “corridoio ecologico“ che va dalle porte di Milano al lago di Varese, attraversando parchi locali di interesse sovracomunale e luoghi di interesse storico. Tutti da percorrere in sella a un cavallo. È l’Ippovia dei Parchi, finanziata dalla Fondazione Maurizio Fragiacomo, presentata e inaugurata ieri mattina a Cascina Gabrina, il punto di partenza dell’itinerario. "L’idea nasce nel 2019 da un nucleo operativo di Garibaldini volontari a cavallo, associazione che opera sotto Engea (Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali). Il progetto stava a cuore alla Fondazione Fragiacomo che avrebbe finanziato l’opera, superati i primi dubbi iniziali sul fatto di poter attraversare dei paesi a cavallo, quindi è iniziato un lavoro di studio del percorso proprio durante il periodo più difficile per il nostro Paese, quello del Covid, con l’architetto Giuseppe Palmieri – dichiara Tino Nicolosi, amministratore delegato di Engea –. Tantissimi uomini e donne hanno iniziato a monitorare e studiare il territorio, individuare i punti di sosta, le aziende ricettive, le attività locali di vendita prodotti, i punti di ristoro per i cavalli. Il primo documento di fattibilità è stato protocollato il 27 gennaio 2021: in quel momento abbiamo capito che l’ippovia si poteva fare. Bisognava prepararsi per il collaudo. Così è stato: circoli ippici, istruttori, il dirigente dei Garibaldini volontari a cavallo sono stati impegnati per diversi mesi. Lo scorso dicembre la fase di collaudo è stata completata e ora i trekker hanno un’ippovia certificata".

Le cinque tappe sono: Vanzago-Gerenzano; Gerenzano- Cairate; Cairate-Caronno Varesino; Caronno Varesino-Varese e Varese-Ghirla. L’ippovia attraversa 29 comuni e diverse aree protette: il WWF di Vanzago, i parchi del Roccolo, dei Mughetti (Cerro, Uboldo), degli Aironi (Gerenzano), del Bosco del Rugareto (Gorla Minore), del Medio Olona (Cairate), RTO (Caronno Varesino, Gornate Olona, Torba), per concludere nel Parco Regionale Campo dei Fiori. Classificata come facile, può essere percorsa in tutte le stagioni. Si possono visitare 25 punti di interesse culturale e gustare prodotti tipici locali, sempre in sella al cavallo.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?