Quotidiano Nazionale logo
28 gen 2022

Il primario Sarro condannato per corruzione

Riconosciuto colpevole anche per i reati di turbativa d’asta e abuso d’ufficio, da giugno lavora alla clinica San Gaudenzio di Novara

giovanni chiodini
Cronaca
L’ex primario di Chirurgia all’ospedale Fornaroli di Magenta Giuliano Sarro
L’ex primario di Chirurgia all’ospedale Fornaroli di Magenta Giuliano Sarro
L’ex primario di Chirurgia all’ospedale Fornaroli di Magenta Giuliano Sarro

di Giovanni Chiodini Arrestato lo scorso anno, ai primi di marzo, con le accuse si corruzione, turbativa d’asta e abuso d’ufficio, Giuliano Sarro (62 anni) l’ex primario di chirurgia generale dell’ospedale Fornaroli, specializzato in laparoscopia mini invasiva e chirurgia bariatrica, è stato condannato a 2 anni e 10 mesi. Lo ha deciso nella giornata di ieri il giudice Daniela Cardamone all’esito del giudizio abbreviato (che consente lo sconto di un terzo della pena) in cui ha accolto la richiesta di pena del pm Giovanni Polizzi. Sarro è stato anche condannato al pagamento di una provvisionale di 30 mila euro in favore dell’Asst Ovest Milanese, parte civile nel procedimento. Per lui il giudice ha anche disposto nei confronti del chirurgo l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Le motivazioni saranno rese note entro 30 giorni. Secondo l’accusa in cambio dell’assunzione, nel 2017, del figlio Alessandro alla Applied medical distribution, come territory manager associate, avrebbe assicurato un trattamento di favore alla multinazionale nella fornitura di ingenti quantitativi di prodotti chirurgici per il presidio del magentino a danno delle aziende concorrenti. Il primario si sarebbe prodigato per presentare ai suoi colleghi il figlio, affinché vendesse loro i dispositivi. Inoltre avrebbe consentito che la figlia, psicologa, visitasse privatamente l’interno dell’ospedale di Magenta, ricevere il pagamento della prestazione, senza che questa fosse alle dipendenze dell’Asst. Nell’indagine che aveva portato Sarro agli arresti domiciliari erano stati indagati anche il figlio Alessandro, Davide Bonacina manager della multinazionale Applied e il dottor Umberto Rivolta, braccio destro di Sarro, membro della Commissione tecnica dell’Asst Ovest Milanese che avrebbe anche, secondo le investigazioni della Guardia di Finanza, contribuito ad occultare le inefficienze delle apparecchiature acquistate. Durante il periodo degli arresti domiciliari, ad aprile, lo stesso ex primario aveva deciso di dimettersi da ogni incarico, interrompendo il suo contratto di lavoro con l’Asst Ovest Milanese ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?