Quotidiano Nazionale logo
17 feb 2022

Il dottor Sorriso e il suo buffo aiutante portano allegria e serenità fra i piccoli pazienti

Con la clownterapia si crea un’atmosfera distesa e rilassata che favorisce l’efficacia della cura

"Tra magie, scherzi giocosi, serenate, ci facciamo tante risate"

Finalmente anche quest’anno è arrivato nel reparto di pediatria dell’ospedale San Carlo Borromeo di Milano il Dottor Sorriso e il suo assistente. Ma attenzione! Sono dottori speciali.

Quando visitano i loro piccoli pazienti, infatti, non lo fanno con i soliti camici bianchi, forbici e bisturi ma indossano delle divise bizzarre e hanno dei visi buffi. Con degli strumenti un po’ “strani”, bacchette magiche, cilindri, pupazzi, bolle di sapone, curano i piccoli degenti con la terapia del sorriso. Grazie alla clownterapia, infatti, si crea un’atmosfera distesa e rilassata che favorisce l’efficacia delle cure a cui i pazienti sono sottoposti oltre a donare tanta serenità al personale sanitario chiamato a prescrivere queste terapie.

Ecco che dopo il loro arrivo non siamo più in un reparto di un ospedale ma in un posto fantastico e tra magie, scherzi giocosi, ci facciamo tante risate.

Così l’aria si riempie di allegria, serenità, la paura lascia il posto al buonumore e nonostante i nostri sentimenti siano ancora nascosti dalle mascherine, le emozioni diventano palpabili.E mentre il Dottor Sorriso e il suo assistente, con un’andatura un po’ goffa, vanno via, i bambini con i "nasini rossi" salutano questi due dottori un po’ strani … che lasciano a tutti, quella convinzione che come disse Charlot, “Un giorno senza sorriso è un giorno perso”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?