Milano, 26 marzo 2020 - Due alloggi del piano terra occupati da giorni, "da famiglie di nomadi che utilizzano quegli spazi come rifugi. E’ un viavai continuo, vediamo facce sempre nuove, adulti e bambini. Spuntano camper parcheggiati. Siamo ostaggio di queste persone, che peraltro si spostano indisturbate nonostante le normative anti contagio".

Parlano gli abitanti di via Graf 22, zona Quarto Oggiaro, un condominio misto in cui una parte di alloggi è di proprietà Aler e un’altra di privati. Nel mirino degli abusivi sono finiti due appartamenti dell’Azienda lombarda edilizia residenziale. Una situazione già denunciata dall’assessore del Municipio 8 Fabio Galesi che ha puntato il dito contro "il gruppo degli sciacalli in giro per individuare alloggi sfitti da occupare" approfittando dell’emergenza coronavirus e confidando in uno slittamento degli sgomberi essendoci le forze dell’ordine impegnate su altri fronti. Gli allarmi sono scattati anche nei quartieri Lorenteggio, Gallaratese, Molise-Calvairate e Salomone. In via Graf è già intervenuta la polizia insieme agli ispettori Aler, testimoniano gli inquilini regolari. "Ma gli occupanti sono rimasti". Nei video girati dalle finestre si vede spuntare un camion con un grosso cassone dentro il quale sono state gettate masserizie e immondizia, "tutto materiale rimosso dagli occupanti, trovato dentro gli appartamenti. Poi hanno portato i loro mobili, materassi e cucina. Si sono persino allacciati alla corrente del condominio: ci ritroveremo a pagare bollette altissime. Hanno pure l’acqua gratis".

L’amministratore di condominio, Luca Ruffino, dice che "è già pronto un esposto che presenteremo alla Procura della Repubblica il 3 aprile (in base alle norme contenute nel decreto del presidente del Consiglio dei ministri) perché gli occupanti si sono collegati al contatore condominiale compiendo un furto di energia elettrica. L’allontanamento è di competenza di forze dell’ordine e Aler. In presenza di minori, come in questo caso, l’esecuzione forzata scatta entro le 24 ore ma gli occupanti hanno dichiarato di essersi introdotti precedentemente". Quanto alle occupazioni degli ultimi giorni, l’assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e disabilità Stefano Bolognini spiega che "le forze dell’ordine e gli ispettori dell’Aler stanno compiendo grandi sforzi ma non sempre si può intervenire subito per lo sgombero, in quanto i nuclei degli occupanti spesso sono composti anche da minori e questo comporta il rinvio della esecuzione. Sono in contatto con il prefetto: mi ha garantito che non appena sarà terminata l’emergenza procederemo a sgomberare".